Mobilitiamoci!


E’ stata indetta per venerdì prossimo, 19 ottobre, con orari e modalità che verranno stabiliti in questi giorni, una manifestazione popolare in difesa dell’ospedale di Siderno, che in pochi mesi ha perso il reparto di Chirurgia, si è visto dimezzare l’orario del pronto soccorso e entro la fine del mese perderà il reparto di Urologia e il servizio di Anestesia. Insomma, una spoliazione continua, nonostante le riserve espresse dalla conferenza dei sindaci, nonostante la solenne incazzatura del senatore Fuda e soprattutto, nonostante le decine di migliaia di firme raccolte lo scorso mese di giugno da un apposito comitato bipartisan contro il trasferimento del reparto di Chirurgia. Mi piace ricordare lo spirito di quel periodo. Le postazioni per la raccolta firme presidiate dai militanti politici di ambedue gli schieramenti, offrirono alla visione dei cittadini l’immagine di una classe politica locale finalmente matura, che sulle questioni di interesse generale sa agire in sinergia. Perfino quelli prevenuti nei miei confronti, perchè ho sempre manifestato il mio pensiero in maniera chiara e senza sottopormi a processi di omologazione, sembravano più simpatici. Ora, bisognerà ritrovare quello spirito. Il metodo utilizzato in questi giorni è ampiamente condivisibile : è stata convocata la conferenza dei capigruppo in consiglio comunale e si è deciso di indire la giornata di moblitazione. Per domani sera, inoltre, è stata convocata la conferenza dei sindaci della Locride presso l’As. In quella sede, capiremo se la manifestazione del 19 sarà limitata alla comunità sidernese o vedrà il coinvolgimento di tutto il comprensorio, come è giusto che sia. Da quello che abbiamo colto nella conferenza dei sindaci del 14 settembre, l’impressione è che molti sindaci non abbiamo dimostrato particolare lungimiranza, limitandosi a curare il proprio orticello. Speriamo di sbagliare, pensando così. Però… Altro errore da evitare, sarà quello di strumentalizzare politicamente l’opera di razionalizzazione della sanità portata avanti dall’assessore regionale Doris Lo Moro, della quale non condivido tempi e modi, ma soltanto la volontà di porre rimedio a una cattiva gestione di quasi quarant’anni della sanità locridea, culminata col commissariamento dell’As di Locri. Come sempre, amo associare ai miei post i testi delle canzoni. Quella che mi viene in mente è dei Modena City Ramblers.

S’intitola “Quarant’anni”:

Ho quarant’anni qualche acciacco troppe guerre sulle spalle
Troppo schifo per poter dimenticare
Ho vissuto il terrorismo stragi rosse stragi nere
Aereoplani esplosi in volo e le bombe sopra i treni

Ho visto gladiatori sorridere in diretta
i pestaggi dei nazisti e della nuova destra
Ho visto bombe di stato scoppiare nelle piazze
E anarchici distratti cadere giù dalle finestre

Ma ho un armadio pieno d’oro di tangenti e di mazzette
Di armi e munizioni di scheletri e di schifezze
Ho una casa piena d’odio, di correnti e di fazioni
Di politici corrotti, i miei amici son pancioni,

Puttanieri, faccendieri e tragattini
Sono gobbi e son mafiosi massoni piduisti e celerini.

Ho quarant’anni spesi male fra tangenti e corruzioni
Ho comprato ministri faccendieri e giornalisti
Ho venduto il mio di dietro ad un amico americano
E adesso cerco un’anima anche di seconda mano

Ma ho un armadio pieno d’oro…

Ho quarant’anni ed un passato non proprio edificante
Ho massacrato Borsellino e tutti gli altri
Ho protetto trafficanti e figli di puttana
E ho comprato voti a colpi di lupara

Ma ho scoperto l’altro giorno guardandomi allo specchio
Di essere ridotta ad uno straccio
Questo male irreversibile mi ha tutta divorata
È un male da garofano e da scudo crociato

Ma ho un armadio pieno d’oro…

Annunci

One Response to Mobilitiamoci!

  1. Migliore Angy ha detto:

    I^ Puntata
    Mi sembra di ripercorrere le mie esperienze, vissute proprio come la canzone. Impegno politico gia alla scuola Media Pedullà, a tredici anni ho organizzato la prima manifestazione occupando il Comune di Siderno con la mia classe 3^D chiedendo di avere le stufe. Al Liceo Scientifico Zaleuco ho iniziato ad impegnarmi nelle rappresentanze studentesche organizzando una delle più belle manifestazioni studentesche contro l’invasione dei tank russi in Polonia. Un periodo bellissimo di manifestazioni nazionali per la pace, (Comiso, Roma, Assisi).
    Nel Liceo mi scontravo verbalmente con i fascisti prevalentemente locresi, ma il più astuto era di Grotteria Mimì Lupis. Purtroppo scoprimmo a nostre spese di studenti già la vigliaccheria della mafia poichè uccisero il nostro amato Vicepreside Zappia. Mobilitazione e manifestazione con l’allora segretario nazionale della CGIL al cinema nuovo di Siderno. Era un periodo quello degli anni 70 dove la commistione tra mafia e politica era intrecciato soprattutto per lo scambio di voti e interessi econimici. Oggi abbiamo l’ingresso diretto dei mafiosiall’interno dei partiti.
    Alla prossima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: