Il solito “carzi calati”

So che con questo post posso attirarmi l’antipatia di Antonia, Migliore, Valter e degli altri interisti on line, e questo mi dispiace. Ma la sortita del presidente dell’Inter Massimo Moratti, che ha definito “antidemocratico” ogni provvedimento teso a impedire le trasferte e l’accesso alle curve dei tifosi violenti, dopo la decisa presa di posizione del presidente dell’Atalanta Ruggeri, peraltro largamente condivisa dal mondo del calcio italiano, è stata, come tante altre, del resto, inopportuna, intempestiva e con effetti potenzialmente perniciosi. Soprattutto perchè fa il paio con l’approfondimento delle indagini sulla rissa (perchè di rissa si sarebbe trattato, con tanto di sassi e coltelli) all’autogrill di Arezzo, tra otto tifosi laziali (tra cui gli amici di Gabriele Sandri) e cinque juventini. E’ questo il concetto di “democrazia” caro a Moratti? O è la democrazia delle devastazioni di Roma, Milano, Taranto ecc.? Leggetevi attentamente il commento di Migliore di ieri. A molti di voi aprirà gli occhi. Lo sport, quello vero, è un’altra cosa!

Annunci

30 Responses to Il solito “carzi calati”

  1. Max Reale ha detto:

    Il presidente dell’Inter, dopo aver smembrato una delle piu’ belle squadre italiane, riducendola ad un cumulo di stranieri mercenari, ora mette il becco anche nei giusti provvedimenti che sono stati presi per cercare di riportare lo sport al suo vero senso!
    Non gli e’ bastato utilizzare la Telecom per giustiziare Moggi che comprava tutti gli arbitri italiani ( un solo arbitro alla fine e’ stato condannato …). Non me ne vogliano gli amici del blog interisti (oramai me li sono affezionati…), ma una squadra prestigiosa come l’Inter meriterebbe un altro presidente. Persino quel “caudillo brianzolo con la tessera della p2 in tasca”, ed e’ tutto dire, per me nel calcio e’ piu’ dignitoso della banda Moratti, Mancini, Telecom! Viva il calcio e viva l’Italia.

  2. giuseppe ha detto:

    Massimo Moratti ha uno strano concetto di democrazia. Ho ascoltato in radio le sue dichiarazioni, molto fredde e votate solo all’interesse del calcio, o meglio del suo calcio. Per tutta risposta, avessi i legittimi poteri, la settimana successiva alla partita della Nazionale, bloccherei per 1 mese il campionato di serie A. Un’altra osservazione: purtroppo, io che ho amato sempre questo sport, tifoso della Juve, da un bel pò di tempo, sono nauseato dei personaggi che girano intorno a questo mondo. A cominciare dai dirigenti delle società calcistiche, dai dirigenti delle istituzioni sportive, agli allenatori, ai calciatori e ai tifosi. Diciamoci la verità, il calcio, essendo un sport popolare e allo stesso tempo immerso in fiumi di danaro che scorrono nelle tasche di signori culturalmente limitati, non può che produrre queste degenerazioni, che, amio modesto avviso, sono il risultato dell’ignoranza più grassa che inficia questo ambiente. Provate a girare nel mondo dell’atletica, del tennis, della pallavolo, del basket…difficilmente troverete signori così infinitamente “somari”…
    “Spagnati du riccu mpoverutu e du poveru arriccutu”

  3. Peppe Reale ha detto:

    Caro Gianluca, sei un tentatore !! Mi riferisco al tuo intervento sulle dichiarazioni del “Principe degli Onesti”, che ha scatenato in me una irrefrenabile voglia di scrivere dell’argomento. Seguo il tuo “stra-utile” blog sin dalla sua creazione e questo è il mio primo post; spero di non esordire male, cercherò di essere il più possibile diplomatico, ma non posso esimermi dal commentare duramente l’ennesima “genialata” dell’indossatore di scudetti altrui !
    Il tema della violenza dentro e fuori dagli stadi è molto importante e delicato, e bene hanno fatto il presidente ed i giocatori dell’Atalanta, con un comunicato firmato da tutti, a prendere nettamente le distanze da quegli esagitati che inquinano lo sport. “NOI NON LI VOGLIAMO PIU’ “, hanno scritto, e mi sarebbe piaciuto che la stessa cosa avessero fatto le altre squadre, la mia Juve in primis, ma evidentemente la paura e, temo, qualche connivenza, impediscono di esporsi in modo così drastico. In questo quadro così drammatico stonano, e molto, le dichiarazioni del “Signore degli Onesti”, anche perché la stessa società da lui mirabilmente ( !! ) presieduta è stata più volte vittima di episodi di violenza (scooter lanciato dagli spalti durante inter-Atalanta, petardo addosso a Dida in un inter-Milan di coppa, seggiolini divelti e lanciati in campo e bandiere bruciate in inter-Alavès, pullman della squadra bloccato e minacce ai giocatori, ecc.ecc). Ma le ha viste, l’”Onestissimo”, le immagini di quei bambini in lacrime allo stadio di Bergamo, mentre assistevano terrorizzati alle devastazioni di quei delinquenti ? Ma si rende conto, lui che passa per essere un gentiluomo ed una persona “per bene” che rilasciare certe dichiarazioni significa dare un alibi ed un pretesto a chi è già, per idiozia congenita, predisposto alla delinquenza ?
    Domenica 4 novembre si è giocata Juve-inter, partita ad altissimo rischio di incidenti per le note vicende di “Farsòpoli”; per fortuna è andato tutto bene, ed una persona di buon senso avrebbe elogiato i tifosi incitandoli a proseguire sulla strada della sportività e della negazione di qualsiasi forma di violenza. Una persona di buon senso, appunto….. Peccato che qualcuno non abbia trovato di meglio che prendersela con Nedved per il fallo su “Mister doppia firma” Figo, insinuando (spalleggiato dai fidi fiancheggiatori de “La ****zza dello Sport”) che il ceco non sia un campione. Quindi che l’abbia fatto apposta. Risultato : su alcuni siti di area nerazzurra compare il messaggio :” Nedved, ti aspettiamo a Torino”. Benissimo, Mr. Big Lips, abbiamo aggiunto un altro motivo di tensione a quanto già esisteva, complimenti !!!
    Per quanto riguarda argomenti abbondantemente narcotizzati dalla stampa sportiva milanese e dalle televisioni amiche, come plusvalenze gonfiate, ricettazione e falsificazione di passaporti, intercettazioni abusive, violazione della privacy (pedinamenti), Guido Rossi, ecc.ecc.ecc.ecc. vi rimando al prossimo post. Ciao a tutti

  4. Glauco ha detto:

    Cari fratelli juventini, ci scusino tutti, ma abbiamo chiare negli occhi le partite contro l’Inter degli ultimi anni e ci viene la ventricolite a pensare che poi gli scudetti siano stati assegnati ai nerazzurri. Credo che tutti noi abbiamo condannato i modi di Moggi, ma con altrettanta onesta’ abbiamo constatato che gli altri non erano meno potenti di Luciano. L’Inter, in particolare, ha dimostrato di poter contare su uno spiegamento di forze incredibile: basti pensare ai valzer di poltrone dei vari Tronchetti Provera e Guido Rossi che saltavano dalle poltrone nerazzurre a quelle della telecom a quelle della Lega! Vergogna.

  5. antonia ha detto:

    Cari juventini, credo che ancora, a distanza di oltre un anno, non abbiate digerito di essere stati spediti nel purgatorio della serie b. E’ normale che ora ve la prendiate con l’inter e con Moratti con cui non avete quest’anno alcuna possibilità di competere. E non certo per colpa dell’inter, ma delle malefatte di chi vi ha guidato per anni e del cui operato avete beneficiato ed ora pagate le conseguenze. Concordo con Moratti: perchè non si otterrà nulla vietando le trasferte. I buoni tifosi rimarranno tali e i cattivi altrettanto. E poi, con tutto questo parlare dei disordini seguiti alla morte del tifoso laziale si perde di vista il problema fondamentale: una persona inerme è morta per mano di un avventato poliziotto che ha agito con la consapevolezza di poter procurare un danno grave. In poche parole, omicidio volontario. Credo che non ci dobbiamo guardarci solo dai tifosi violenti ma anche dai poliziotti dal grilletto facile.

  6. domenico ha detto:

    cari fratelli juventini, le vostre volgari quanto inappropriate insinuazione lasciano il tempo che trovano ma bastano ad evidenziare un ancora elevato ed allarmante vostro livello di frustrazione (che non è l’uso della frusta…) .
    cmq voglio scendere al vostro livello, anche se solo per un attimo, di più non potrei, e vi consiglio l’acquisto di una buona dose di carta vetrata….

  7. Paolo ha detto:

    Certo che spendere risorse ed energie per parlare di calcio mi sembra iniquo.
    E’ da tanto tempo che non sono più un tifoso.
    Non vedo in nessuna squadra, in nessun calciatore, allenatore, addetto ai lavori che soltanto l’attaccamento al Dio denaro.
    Nessuno si rende conto che le loro azioni vengono imitate da chi ancora da loro seguito.
    La fiction “Il capo del capi” che viene trasmessa su canale 5 ha creato e sta creando danni. Le ragazze a scuola scrivono “Io amo Totò Riina” e questo non succede a Milano, Roma bensì a Locri.
    I bambini parlano al cellulare, e dicono “Pronto, sono il capo dei capi”…..
    I modelli di oggi stanno annientando la gioventù. Dove andremo a finire??

  8. Peppe Reale ha detto:

    Purtroppo è vero, credo che nessun tifoso juventino abbia digerito la retrocessione in B, né la digerirà mai. Bisogna ammetterlo, anche se questo farà godere da matti gli interisti, ma brucia ancora e tanto. Personalmente sono convinto che quella squadra avrebbe stracciato tutti anche senza gli “interventi” di Moggi, o vogliamo dire che Buffon, Zambrotta, Thuram, Cannavaro, Vieira, Mutu, Trezeguet,Del Piero,Emerson,Camoranesi,Ibrahimovic sono diventati delle schiappe ora che Moggi è stato spazzato via ? Sull’assenza di colpe da parte dell’inter ci andrei cauto, visto che, come ben si sa, il principale azionista dell’inter era contemporaneamente proprietario di Telecom. E le telefonate dell’inter al designatore Bergamo, che lui stesso ha confermato di aver ricevuto, casualmente non sono state intercettate…………
    Dai post che ho letto in questo “stra-utile” blog, rilevo che Antonia abbia studiato giurisprudenza, o quantomeno sia molto preparata sull’argomento, per cui vorrei porle una domanda:dai punti di vista giuridico e morale, secondo te, è stato corretto il modo in cui si è svolto il “processo” alla Juve nell’estate del 2006 ? E’ stato giusto abolire in fretta e furia un grado di giudizio ? E’ stato giusto dare 3 giorni di tempo agli avvocati di difesa per studiare più di 30.000 pagine e 10 minuti di tempo per l’arringa difensiva ? E’ stato giusto impedire alle difese di produrre testimonianze e filmati ? A me sembra che sia stata un’esecuzione vera e propria, e aspetto davvero con fiducia il processo “vero”, anche se ormai il mostro è stato ucciso e il nostro calcio vive in pace e serenità, come nella casa del mulino bianco………..
    Per quanto riguarda il tema della violenza, è vero che impedendo le trasferte non si risolve il problema, ma almeno si elimina quella scia di devastazioni che ogni trasferta si trascina appresso, con treni sfasciati, aree di servizio prese d’assalto e saccheggiate, lanci di pietre e bottiglie dai finestrini dei treni, interi battaglioni di forze dell’ordine mobilitati per impedire contatti tra le opposte tifoserie, quando potrebbero invece essere destinati al normale controllo del territorio, visto che purtroppo mi pare che ce ne sia tanto bisogno. Relativamente alla vicenda del tifoso ucciso, è giusto che il poliziotto paghi, e credo che, indipendentemente dall’aspetto penale della vicenda, stia già pagando (immagino che non faccia piacere a nessuno avere una persona morta e due famiglie distrutte sulla propria coscienza), ma stiamo attenti a non creare il mostro da eliminare a tutti i costi, ed a non avviare frettolosi processi di beatificazione potenzialmente ingiustificati.
    A presto

  9. Ultima nella classifica di Gianluca Albanese ha detto:

    Nel leggere le dichiarazioni di Moratti… mi so leggermente preoccupata per la mia persona…. non sono interista e trovarmi concorde con il patron neroazzurro, mi ha fatto preoccupare :S. però, come ha detto anche Antonia “i buoni tifosi rimarranno tali e i cattivi altrettanto” aggiungo anche, per me non è giusto che per pochi si deve proibire il giocattolo a tutti.
    Vietare le trasferte vuol dire: 1-darla vinta ai delinquenti, 2- ammettere chiaramente che lo Stato non è in grado di mantenere l’ordine pubblico, e 3- cosi facendo prendendo la via più “semplice” per arginare (no risolvere) il problema.
    Proibire le trasferte, alla fine ci si ritrova, con i violenti che entrano allo stadio, perchè loro entrano (e sarà peggio perchè si vanno ad “immischiare” con le tifoserie di casa)e con i fessacchiotti dei tifosi che vogliono solo vedere realmente la partita e sostenere la propria squadra fuori gli stadi…
    Come nota di cronaca positiva, lasciatemi questo attimo di “soddisfazione… per quanto riguarda le trasferte vietate,” c’è anche una nota che cosi dice: “dieci giorni prima della giornata di campionato l’Osservatorio studierà il rischio potenziale della partita oltre a quello delle due tifoserie che andranno ad incontrarsi, ma solo per i viaggi dei supporter dell’Udinese, dell’Empoli, del Siena e della Reggina sarà possibile tenere aperto il settore ospiti. Il resto della compagnia in serie A è «ostaggio» delle risse, zuffe o follie dei propri sostenitori ultras, violenze compiute a partire dal settembre del 2006 e, quindi, destinate a condizionare le mosse del Viminale e dei prefetti”. Ora che la nostra è una delle tifoserie più buone lo si sapeva… ma angioletti fino a sto punto, lo ignoravo….!

    Vorrei lincare qualcosa che ha molto a che fare con l’ultima frase scritta sempre da Antonia, cioè: “Credo che non ci dobbiamo guardare solo dai tifosi violenti ma anche dai poliziotti dal grilletto facile”….sul web ho avuto la sfortuna di leggere un qualcosa che mi ha lasciato letteralmente allibita e senza parole… una serie di frasi scritte da un carabiniere :S…. se il padrone di casa da l’ok, mando il link di dove li potete leggere, altrimenti lascio alla vostra immaginazione :S

  10. antonia ha detto:

    concordo con Peppe quando dice che la giustizia sommaria non giova a nessuno, sia che si tratti di giustizia sportiva sia che si tratti di giustizia ordinaria. Non conosco bene le vicende processuali che hanno riguardato la Juve, ma ricordo che tra interecettazioni, confessioni e materiale probatorio schiacciante di vario tipo è stato davvero vergognoso quello che è emerso, e non capisco con quale faccia tosta Moggi ha ancora il coraggio di intervenire in trasmissioni radiofoniche e scagliarsi contro chi lo accusa di aver rovinato la Juve. Vi auguro nel processo ordinario se e quando si farà di riuscire a dimostrare che su molte cose i giudici si sono sbagliati, sono certa che tutti gli sportivi tirerebbero un sospiro di sollievo, perchè ciò significherebbe che tutto quello a cui abbiamo assistito per anni non era so,lo e tutto una farsa. Mi pare inoltre che nello scandalo di calciopoli non fu coinvolta solo la Juve, ma anche Milan, Reggina, Fiorentina e Lazio. Se l’inter è stata l’unica tra queste ad uscirne pulita, non subendo retrocessioni o penalizzazioni, non credo dipenda da poteri occulti. Se ce li avesse avuti avrebbe vinto qualcosa in questi anni invece di sperperare una marea di soldi. Sul discorso delle trasferte concordo con Moratti in quanto credo che le repressioni non hanno mai portato e non porteranno mai a niente di buono. Bisognerebbe se mai intervenire sulle norme, inasprire le pene e fare applicare la legge sul serio. Non ho mai sentito di ultrà violenti che scontanop tre, quattro anni di carcere. Li arrestano e poi dopo poco sono fuori. E’questo il vero problema, l’impunità, e mi pare debole e poco credibile uno stato che adotta misure restrittive per arginare fenoimeni che non riesce a fronteggiare con i mezzi che ha a disposizione

  11. gianlucalbanese ha detto:

    Per l’ultima : essendo frasi pubblicate su internet, credo che non ci siano proprio problemi, quindi metti pure il link

  12. Peppe Reale ha detto:

    Se Domenico è il Domenico che conosco io (sinistro esplosivo come Roberto Carlos, quello che l’inter ha regalato al Real Madrid….), ecco perchè per tanto tempo non l’ho più visto, era su un’altro livello !!!
    Comunque, visto che siamo amici più o meno dal lontano 1988, anno dell’ultimo scudetto (normale e non di cartone) vinto dall’inter, mi permetto di chiederti un favore: se ti è rimasta un pò di carta vetrata non utilizzata (cosa di cui dubito, visto che l’hai dovuta usare per quasi 20 anni), me la potresti regalare ? Potrei darti in cambio, se vuoi, il libro di Moggi !!!

  13. Anna Villani ha detto:

    Gianluca, qundo parli di calcio scateni polemiche ma anche dibattito, fai audience come si dice…

  14. Migliore ha detto:

    Dopo l’uscita giustificata del compare Moggi, amico degli amici, nonchè socio degli onorati uomini con il cappuccio e compasso, oggi finalmente vediamo la vera serie A.

    “Tutto il resto è noia”

  15. gianlucalbanese ha detto:

    Concordo con Paolo, nel senso che non condivido la tensione ideale di certi interventi. In effetti, il mio post sull’infelice uscita di Moratti era strettamente connesso al problema sicurezza negli stadi, specie dopo la morte di Sandri e le conseguenti devastazioni. Poi, la discussione è scivolata sulla rivalità calcistica, sapendo che tra gli amici frequentatori del blog, c’è un solido schieramento juventino (fratelli Reale più giuseppe) opposto a un altrettanto agguerrito blocco interista (Migliore, Domenico più la “pasionaria” nerazzurra Antonia). Ma il bello è questo, cara Anna, è che quando si parla di calcio ci si può sfottere a viso aperto, senza scendere così in basso e perdersi in pettegolezzi sterili e dannosi come capita con altri argomenti, anche perchè in questo caso la discussione vede protagonisti soggetti beneducati e civilissimi, non foss’altro perchè sono tutti dei miei cari amici. Dal tragico “caso Sandri” alle schermaglie da “Bar dello sport” il passo è stato breve. Ma pazienza, a volte serve per staccare la spina dalle discussioni politiche e parlare di altro. Anche se presto potresti imparare che «Fora d’a politica simu tutt’amici». Che significa? Capisc’a mmè, Avrò modo di spiegartelo. 😉

  16. domenico ha detto:

    seguendo la traccia dell’amicizia e del rispetto reciproco tracciato da gianluca rispondo al mio amico peppe reale.

    bella pè, vi ca però era l’ottantanovi!!
    è vero noi interisti abbiamo sofferto tanto e per tanti anni e come noi anche i dirigenti e il nostro presidente non foss’altro per i tanti soldi spesi con generosità anno dopo anno. perchè Moratti sarà un industriale ma è un signore… ciò è dimostrato dal fatto che nonostante le spese e gli insuccessi non si è mai andato a cercare scappatoie mafiose e triadi varie per vincere i campionati…. a buon intenditor.

    per quanto riguarda il libro di Moggi tienilo in bagno, accanto alla carta vetrata, potrebbero costituire un valido kit di igiene intima per juventini, per i prossimi vent’anni!!

    d.

  17. Max Reale ha detto:

    Credo che a parte la “carta vetrata”, bisogna ricordare una frase di Buffon. Nel momento in cui tutte le squadre erano disposte a fare follie per Lui, a chi gli chiedeva dove sarebbe andato ( Inter, Milan, Real Madrid… ecc.), rispose: Se c’e’ un progetto serio rimarro’ qui’, perche’ a me non basta vincere ma VOGLIO PROVARE A VINCERE CON QUESTI RAGAZZI…….
    Concordo con Luca e Paolo sul fatto che il calcio sia diventato disgustoso, ma le cose sono sensibilmente peggiorate da quando sono entrati nel calcio imprenditori senza scrupoli che vogliono vincere per forza, togliendo a questo splendido sport la sua anima.
    La frase di Buffon e’ stupenda: poteva andare all’Inter e vincere con quei mercenari stranieri, ma e’ piu’ bello vincere con ragazzi umili e lavoratori (Nocerino, Molinaro, Palladino, Iaquinta, Birindelli, Chiellini, ecc ecc).
    Questo e’ lo spirito della Juve che aveva anche quando c’era Moggi e che oggi nessuno riconosce perche’ il fattore-Moggi prevale nei media. Antonia, forse quest’anno non vinceremo nulla, ma quanto vale vincere comprando il miglior giocatore di ogni ruolo? Dov’e’ la sfida?
    Che bello, invece, vedere quei ragazzi che lottano e che diventeranno i piu’ forti d’Italia!!!
    Il vostro presidente Moratti, vuole vincere per forza per se stesso, perche’ non vuole perdere la sfida a distanza col suo grande padre che creo’ la piu’ bella Inter di tutti i tempi: ma suo padre era grande davvero….

  18. antonia ha detto:

    Per Max: non capisco perchè identifichi gli stranieri con i mercenari. I mercenari per me sono tutti quelli che per soldi cambiano casacca, dimostrando scarso attaccammento alla squadra, tanto da non farsi scrupolo alcuno di abbandonarla nel momento del bisogno (vedi cannavaro, capello e zambrotta per esempio). Se non sbaglio sono italiani, e finchè erano della Juve li consideravate delle bandiere, ma invece si sono rivelati delle banderuole e mercenari lo stesso!Noi ad esempio abbiamo uno straniero (Zanetti), uno dei tant è veroi, il cui attaccamento alla squadra è innegabile. Non per niente è il nostro capitano!Se questo è un mercenario………..

  19. Max Reale ha detto:

    Carissima Antonia hai ragione; dopo aver lanciato il post mi sono subito reso conto che avevo accostato le due parole “mercenari” e “stranieri” come se le due cose fossero legate insieme da chissa’ quale filo e tu che sei una persona intelligente hai subito notato questo.
    in realta’ quello che volevo dire e’ che personalmente trovo snaturata una squadra che non presenta un italiano in campo da mesi, perche’ da l’idea di essere un gruppo eterogeneo di atleti incollati fra di loro in nome dei soldi, ma senza anima (d’altronde anche Domenico ha ammesso che il pres Moratti e’ uno che i soldi li da’ con generosita’ ed aggiungo io, con disinvoltura)! Mi rendo conto che e’ un parere personale e soggettivo, ma io non riuscirei ad appassionarmi alla Juve se non avesse una intelaiatura prevalentemente italiana.
    Inoltre’ per dimostrarti che non sono razzista, sappi che anche io, come Luca, sono un appassionato di Nedved, quindi……
    Per quanto riguarda invace la questione Cannavaro e Zambrotta, e’ vero che non si sono dimostrati attaccati, ma piu’ che altro non sono stati coraggiosi, perche’ inizialmente la gogna mediatica e’ stata devastante, tanto che anche noi juventini abbiamo creduto che Moggi fosse un mostro, ma poi, alla luce di come si e’ svolto il “processo” (se cosi’ possiamo chiamarlo), ed alla luce del modo in cui hanno risolto la questione mandando Guido Rossi (consigliere d’amministrazione della societa’ INTER) a comandare la lega e Tronchetti Provera (Vice presidente dell’INTER e Presidente di TELECOM ITALIA…) a gestire le intercettazioni, tutti abbiamo preso coscienza che Moggi aveva sbagliato tantissimo, ma non era solo lui il marcio. Di Capello non parlo perche’ non mi e’ mai piaciuto.
    Comunque, da tempo ho notato che ho una lista lunghissima di amici e conoscenti interisti che non comprendo come possano tifare Inter perche’ sono persone eccezionali! Da oggi in questa lista c’e’ anche Antonia del blog!!!

  20. domenico ha detto:

    caro max reale
    è inutile che neghi lo schifo che ha rappresentato la Juventus negli ultimi 20 anni. ti ricordo che dopo l’82 e cioè dopo lo splendido mondiale in cui mi sembra che gli 8/11 della nazionale fossero juventini, la Juve ha avuto un lungo periodo quasi dieci anni in cui ha militato come squdra di mezza classifica e niente di più. era infatti il periodo delle milanesi e soprattutto del Milan di Sacchi. poi arrivo Moggi chiamato a corte dell’imperatore Agnelli (buono quello) e solo allora avete cominciato a risalire la china. E’ inutile che continui a pontificare e a santificare. E poi cosa mi dici della GEA la società tramite la quale venivano ricattati i calciatori, vogliamo negare anche quello?

  21. Peppe Reale ha detto:

    Caro Domenico, nessuno nega nulla. Ci piacerebbe, però, che anche i reati degli altri fossero sanzionati con la stessa severità riservata alla magica Juve. Mi spiego meglio : in panchina, nello squadrone degli Onesti, siede, in qualità di dirigente, tale Gabriele Oriali, campione del mondo nel 1982. Il suddetto campione del mondo, il 25 maggio 2006 ha patteggiato una pena di 6 MESI DI RECLUSIONE per il reato di CONCORSO IN FALSO E RICETTAZIONE. Il patteggiamento, come ben dai, presuppone un’ammissione di responsabilità. Quindi, un dirigente della squadra degli Onesti, ha ammesso di aver falsificato i documenti di un proprio giocatore per farlo risultare comunitario, utilizzando delle patenti rubate alla motorizzazione di Latina.
    Il regolamento della FIGC prevede, in occasione di eventi di questa fattispecie, che alla squadra di appartenenza del condannato venga assegnato lo 0-3 a tavolino per ogni partita nella quale lo stesso abbia giocato. A te l’onere di verificare le presenze del dentone Recoba e vedere molto vicina la serie B…..
    Mi piacerebbe sapere se ritieni questa vicenda così insignificante da meritare l’indifferenza che le è stata dedicata.
    A prestissimo

  22. Max Reale ha detto:

    Non c’e’ peggior sordo di chi non vuol sentire… Caro Domenico, innanzitutto il tono aspro che usi la dice lunga sulla tua frustrazione. Mi sembra di essere stato molto chiaro dicendo che anche noi juventini non approviamo il comportamento di Luciano Moggi.
    Per quanto riguarda il tuo presidentissimo, allora….. PEDINAMENTI, INTERCETTAZIONI PILOTATE, PLUSVALENZE, DOCUMENTI RUBATI E FALSIFICATI…… queste sono tutte fantasie di noi juventini delusi.
    Come mai, caro Domenico, a gestire la situazione e’ stato mandato il sig. Guido Rossi facente parte del consiglio di amministrazione dell’INTER? Come mai, lo stesso soggetto, dopo aver garantito la spedizione della Juve in B e’ stato dirottato alla Telecom? Se dico che vedo del marcio sono il solito juventino deluso…! Come mai Tronchetti Provera era all’epoca Vice presidente dell’INTER ed allo stesso tempo Presidente di TELECOM ITALIA e casualmente sono scomparse le telefonate che i designatori hanno ricevuto dal compianto Facchetti?
    Domenico, tu non mi conosci ma Gianluca si, chiedi a lui se io sono uno che odia l’illegalita’ ed il malcostume, non venirmi a dire, per favore che l’INTER e’ pulita!
    Io dico che Moggi finalmente ce lo siamo tolti dai piedi (anche gli Agnelli non lo volevano piu’), ma chi e’ rimasto e’ come lui.

  23. domenico ha detto:

    Ma state scherzando… Ma che film avete visto?!
    Ma quale severità… ma davvero stiamo scherzando?!
    Ma se inizialmente dovevate andare in serie C e poi Rossi o non Rossi ve la siete cavata, come sempre….

    fratelli juventini, francamente mi sono scocciato

    concludo i miei interventi dicendo che spero di vedere d’ora in poi delle cose più decenti nel calcio e speriamo che il detto ” vinca il migliore” abbia dinuovo senso

    d.

  24. Max Reale ha detto:

    Dichiaro solennemente che il modo di operare nel calcio di Moggi non mi e’ mai piaciuto, perche’ fatto di arroganza, sopraffazione ed arrivismo.

    1) capitolo ARROGANZA: il sig Moggi aveva un atteggiamento mafioseggiante, come ha evidenziato in un post Migliore. era compiaciuto quando i giornalisti lo trattavano come un padrino perche’ era entrato cosi’ bene nel ruolo di mago del calcio, che e’ rimasto vittima, alla fine, delle sue esagerazioni: basti pensare che era cosi’ sicuro di se che pensava di passare inosservato anche nella creazione della GEA da parte di suo figlio…
    2) capitolo SOPRAFFAZIONE: il sig Moggi non ha mai tenuto conto delle piccole squadre. Quando c’era da decidere sulle spartizioni dei miliardi che provenivano dalle tv, lui, il sig Galliani ed il sig. MORATTI si spartivano quasi tutti i soldi impoverendo le altre societa’. Da sottolineare che il sig. Moratti era contro il sistema Moggi tutto l’anno, MA QUANDO SI TRATTAVA DI SPARTIRSI I SOLDI ERA SEMPRE A FIANCO DEI COMPAGNI MOGGI E GALLIANI. Chi non ci crede vada a verificare se non ci sia anche la firma del sig. Moratti quando i tre facevano questi abusi di potere.

    3) capitolo ARRIVISMO: il sig Moggi e l’amico Giraudo stavano cominciando a mettere mani anche nelle azioni della Juve. Dove sarebbe arrivata la loro scalata se non li avessero fermati? Ecco perche’ credo che gli Agnelli non hanno difeso la Juve abbandonandola ingiustamente nelle mani dei nuovi padroni del calcio Moratti e Rossi. Praticamente difendendo la Juve avrebbero difeso Moggi ed hanno preferito gettare fango sui successi meritatissimi del passato pur di togliersi di mezzo Moggi e Giraudo.

    CHIARO???????????????????????????????????????????????????

    Tuttavia continuo a sostenere con forza che i vari Moratti, Galliani, Gaucci, Cragnotti ecc. ecc. NON ERANO E NON SONO DA MENO DI MOGGI.

  25. Peppe Reale ha detto:

    Prevengo la reprimenda del “padrone di casa” chiudendo anch’io la discussione su questo tema, che, mi sembra chiaro, sta diventando stucchevole e potrebbe continuare all’infinito, tediando gli altri ospiti del blog. Spero che l’amico Domenico non se la sia presa, in fondo il bello del calcio è anche questo. Non sarà certo l’inter (rigorosamente in minuscolo !!) o Moggi ad intaccare la mia amicizia verso di lui. Qualcuno potrà accusarmi di “buonismo”, ed allora chiudo il post ricordando il 5 maggio 2002, data indimenticabile, quando colui che passa per essere il duro del calcio italiano, tale Marco Macellazzi, piangendo a dirotto come un bambino al quale avevano sottratto la merenda, implorava i giocatori laziali di lasciarli vincere la partita. “Noi vi abbiamo fatto vincere lo scudetto” , il labiale colto dalle telecamere fu impietoso, una frase da ufficio indagini, perchè era in pratica una richiesta di falsare la partita. Richiesta per fortuna non accolta dal grande Karel Poborsky, lui sì vero uomo, che fece giustizia. Il prode Macellazzi, dopo qualche anno trascorso a compiere interventi da articolo 582,583,comma2,n.3 codice penale (lesioni volontarie aggravate) sui campi italiani ed europei, si presenta alla festa dello scudetto di cartone vestito di bianco per simboleggiare il candore suo e della società in cui gioca !!
    Domè, con tutto il bene che ti voglio, devo dirti che queste pagliacciate alla Juve non le ho mai viste, Moggi o non Moggi !!

  26. Glauco ha detto:

    Chissa’ come mai Domenico non cita i due scudetti rubati alla Juve da Lazio e Roma: nel primo fecero giocare alla Juve la partita decisiva in un pantano con il match sospeso per 45 minuti tra il 1° e il 2° tempo e l’amico dei nerazzurri Collina che cercava disperatamente di trovare un punto del campo in cui rimbalzasse il pallone, e nel secondo cambiarono le regole (casualmente) prima dello scontro diretto con la Roma consentendo ai giallorossi di utilizzare Nakata che poi fece il gol decisivo. Per favore siamo seri!
    Nel calcio purtroppo ci sta di essere penalizzati e questo e’ successo anche alla Juve: non capisco questo vittimismo degli interisti. Prima del cazzijatone di Gianluca questo lo dovevo dire…

  27. antonia ha detto:

    ringrazio max per avermi incluso nella a lista degli interisti eccezionali e ricambio dicendo che anche lui rientra tra i miei tanti amici e conoscenti che pur essendo juventini stimo molto. Non conosco nel dettaglio tutti questi episodi a cui lui. peppe e domenico fanno riferimento, perchè sono tifosa ma non malata di calcio (senza offesa!)ma mi pare quanto mai fantasiosa la vicenda di Tronchetti Provera che fa sparire le telefonate per sottrarle alle intercettazioni. Dato tuttavia per scontato che sono poche le persone al mondo veramente oneste e limpide, rilancio con un proverbio: prima di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, guardate la tave nei vostri!alla prossima

  28. Max Reale ha detto:

    Cara Antonia, ti riporto un passo virgolettato di una intervista rilasciata dall’ex designatore arbitrale Bergamo al Quotidiano Nazionale il 3/12/2006: ” Giacinto Facchetti era il dirigente che mi chiamava di piu’. Parlarne mi addolora per la sua prematura scomparsa e per la grande amicizia che ci legava, ma e’ cosi’. L’Inter si lamentava piu’ di tutti, Facchetti era sempre scontento perche’ l’Inter faticava a vincere. Sospettava di tutto e di tutti. Milan e Juve gli facevano paura. Molti arbitri non gli erano graditi, le griglie non gli piacevano nonostante avessimo inserito l’Inter nalla prima fascia per tranquillizzarli sul fatto che non ci fosse prevenzione. Ma io parlavo con tutte le societa’ e sottolineo tutte. Il mistero e’ proprio questo. Dove sono andate a finire le telefonate con l’Inter? Come mai dai tabulati Telecom risultano solo quelle con qualcuno? Perche’ mancano tutte le altre? Sia con Moggi che con Facchetti c’era un’amicizia trentennale: in quella intercettazione in cui lui indovina la griglia arbitrale c’era ironia perche’ era una griglia obbligatoria. Le intercettazioni erano sicuramente pilotate, qualcuno ha scelto le registrazioni che servivano ad un disegno preciso ed ha buttato le altre”.

    Cara Antonia, chissa’ quale e’ la verita’!!! Avro’ ragione io? avrai ragione Tu?

    Comunque io seguo la Juve dal 1978 (avevo 6 anni) e quelle maglie bianconere mi hanno sempre stregato. Ho visto sfilare i grandi Zoff, Cabrini, Scirea, Bettega, Tardelli, Rossi Platini,Tacconi, Rui Barros, Marocchi, Schillaci, Casiraghi, Baggio, Koler, De Agostini, Torricelli, Paulo Sosa, Di Livio, Buffon, Del Piero, Nedved, Camoranesi, Trezeguet…. ecc.ecc.ecc, ho pianto per quella terribile tragedia dell’Heisel e per le morti di Scirea e Fortunato. La mia e’ una passione per quella maglia.

    Capisco bene perche’ anche tu difendi quelle maglie nerazzurre che ti danno tante emozioni… Ciao.

  29. giuseppe ha detto:

    Antonia è interista, ma le voglio bene

  30. antonia ha detto:

    anche io vi voglio bene tutto sommato anche se siete juventini e non condivido una virgola di quello che dite!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: