Maledetti Tir!

So che a volte sembro il puffo brontolone che odia tutti, ma non ho mai provato soverchia simpatia nei confronti di autocarri, autoarticolati e autotreni, specie dopo che la ruota di un autoarticolato è passata sul mio piede destro, lasciandomelo miracolosamente intatto. E quindi, c si mette anche il fatto che lo sciopero dei Tir di questi giorni sta creando un sacco di disagi. Non conosco la piattaforma rivendicativa e quindi non metto lingua sulle ragioni della protesta, ma quando ho visto che alle otto di stamattina i giornali non erano ancora in edicola, a causa degli inevitabili rallentamenti del traffico causati dallo sciopero, mi sono arrabbiato parecchio. Mi sono altresì ricordato, che a metà degli anni ’70 in Cile, uno sciopero dei camionisti diede la stura a quel processo che portò in breve al colpo di stato che destituì il presidente socialista Salvador Allende (legittimamente eletto dal popolo) e istituì la feroce dittatura di Pinochet. Non è che, mutatis mutandis, dietro alla mobilitazione di questi giorni, c’è lo zampino del borlotto nano?

Annunci

29 Responses to Maledetti Tir!

  1. francesca ha detto:

    Dai brontolone. Non fare così, su 😉
    Francesca

  2. Max Reale ha detto:

    Fermo restando che l’Italia, ormai, e’ l’unico paese ad essere ricattabile dai trasportatori su gomma perche’ non cerca alternative per il trasporto delle merci, non possiamo negare che ormai quasi tutto il loro guadagno viene assorbito dal prezzo altissimo del carburante e delle assicurazioni. Un governo serio non doveva arrivare al punto di rottura ed oltre alla tanto pubblicizzata moratoria sulla pena di morte, poteva protestare con durezza e decisione, insieme a tutti i paesi europei, per questo terribile problema del prezzo dei carburanti esorbitante.

  3. giuseppe ha detto:

    Neanche io ho in simpatia gli autoarticolati, ma accetto con rassegnazione e pazienza, dall’abitacolo della mia autovettura, seppur incazzato nero per il caos, gli esiti di una protesta che dovrebbe allargarsi a tutti i lavoratori. Mille euro al mese, di questi tempi, valgono IL BLOCCO TOTALE dell’Italia

  4. antonia ha detto:

    a me invece i camionisti sono sempre stati simpatici e li ammiro perchè fanno un lavoro faticoso e silenzioso. Fanno bene a protestare, l’Italia è un paese iniquo, c’è gente che per guadagnare mille euro deve percorrere centinaia di chilometri, e altra che ne guadagna più di dieci volte tanto (vedi ad es. senatori e deputati) stando comodamente seduta. Ci vorrebbe una vera e propria rivoluzione per cambiare la rotta di questo paese talmente marcio da fare venire il volta stomaco!

  5. gianlucalbanese ha detto:

    Per Max : perchè non inviti Antonia a fare uno stage di un mese all’ufficio spedizioni? 🙂 No, scherzavo! Le voglio troppo bene per sottoporla a certi stress! Scusatemi, ma non riesco a schierarmi dalla parte dei manifestanti di questi giorni. Quando protestano i lavoratori dipendenti fanno le loro quattro-ore di sciopero per aumenti contrattuali che non superano mai 80-90 euro a biennio e mai in un’unica soluzione, ma scaglionati nel tempo. Ai lavoratori dipendenti (quelli messi in regola, ovviamente) lo stato trattiene fino all’ultimo centesimo di imposte e tasse in busta. Siamo sicuri che i camionisti e gli autonomi in generale fatturano tutto? E rispettano sempre i limiti imposti dalla legge sul peso del pieno carico, mettendo a repentaglio l’incolumità dei passanti? Mi rendo conto della gravità delle cose che sto dicendo, ma non mi pare che siano favole. Anzi… Sarei molto più coinvolto da una protesta di tutti queli operai, “commesse dei negozi del centro” (come dice Luca Carboni) e dipendenti di imprese varie e centri commerciali che non sono messi in regola o che sono costretti a firmare per un determinato importo la busta paga e poi ne ricevono uno molto minore. Questi sono i veri tartassati,altro che il popolo delle partite IVA! La verità è che questo governo stava riuscendo in quella che, visto il malcostume italiano, sembra un’impresa ciclopica : far pagare le imposte a chi non è mai stato abituato a pagarle e ora si lamenta. Professionisti, artigiani, camionisti, tassisti. Tutti si sentono in dovere di rivendicare qualcosa. Evidentemente, danno per scontato che il cetriolo debba andare sempre in c… all’ortolano (metaforicamente parlando). Io non la penso così e invito il governo a tenere duro e andare avanti verso una giustizia sociale compiuta, in cui tutti pagano le tasse in base al criterio di progressività fiscale. Magari a cominciare dalle rendite finanziarie. Hasta la Justicia….Siempre!

  6. Max Reale ha detto:

    Il discorso si fa serio, quindi bisogna analizzare bene le cose.
    Innanzitutto bisogna distinguere il camionista, dal trasportatore. Il camionista e’ probabilmente quello che sta simpatico ad Antonia: e’ quello che si alza di notte per effettuare un trasporto, che deve stare lontano dalla famiglia settimane intere, che prende poco rispetto ai sacrifici che fa e che, alla fine, incattivito dalle ingiustizie, diventa scostumato, scorbutico e fa fatica ad individuare chi e’ il suo vero nemico, facendosi riconoscere dappertutto per idiozia come gran parte di quelli che conosco io che lavoro all’uff. spedizioni di una grossa azienda.
    Il trasportatore, invece, e’ il proprietario di uno o piu’ mezzi, ma molte volte non e’ lui a guidarli e quindi non e’ lui a fare enormi sacrifici, anche se, ad onor del vero, deve essere abile a districarsi in un ambiente in cui la concorrenza e’ numerosissima ed e’, probabilmente, la figura a cui si riferisce l’amico Luca.

    Il succo del discorso e’ pero’ che nonostante i vantaggi che hanno e le irregolarita’ che alcuni fanno, i trasportatori oggi hanno un margine di guadagno molto ristretto perche’ quasi tutti i soldi vanno a finire ai petrolieri (come Moratti…) e una piccola parte anche allo stato. Inoltre fanno un lavoro che non da certezze, perche’ il guadagno puo’ scomparire in un attimo per un guasto, un incidente stradale ecc.ecc.

    Io credo che Prodi non debba calarsi la braghe, ma neanche tenere un comportamento troppo duro con loro, anche se concordo pienamente con Luca quando dice che la categoria piu’ penalizzata e’ sempre la nostra, quella dei lavoratori dipendenti.

    P.S. Anche io credo che l’amica Antonia non sia adatta a fare uno stage nell’ufficio dove lavoro io ……

  7. Alessia ha detto:

    sentendo le notizie in tv e i commenti dei politici mi sono convinta di una cosa: a fronte di incentivi, sgravi fiscali e investimenti decisi dal Governo nella finanziaria 2008 regna sovrana una forma di disinformazione che per definirla il termine più esatto è strumentale. ieri sera a Ballarò erano presenti, tra gli altri, Franceschini del PD e Fini. la questione sciopero naturalmente è stata affrontata da più punti di vista ma quando Franceschini ha detto che alla guida della protesta dei camionisti vi è un ex sottosegretario di FI neppure Fini ha potuto replicare nè tanto meno negare l’evidenza.
    quello che penso è che si voglia portare all’esasperazione il paese nel periodo dell’anno in cui si è tutti più sensibili alle lusinghe commerciali e agli spauracchi di un Natale senza panettone e senza regali, al buio delle candele (per necessità e non per estetica) e senza benzina nella slitta di Babbo Natale, sempre ammesso che abbiano meccanizzato le renne!
    la manovra è voluta solo ed esclusivamente per mettere alle corde un Governo che, lungi dal frequentare i reparti di ortopedia per improvvise “lussazioni scapolari”, investe tutte le sue risorse e le sue energie in un programma di governo che mira essenzialmente alla equa distribuzione dei carichi impositivi, quindi non colpendo sempre e solo i dipendenti del settore pubblico la cui busta paga è controllata, per poter dare a chi ha più necessità i sostegni e gli aiuti degni di un Paese moderno e civilizzato come il nostro.
    e quando si toccano le libere professioni, le aziende e i ricchi imprenditori, ecco che si grida alla lesa maestà e si minacciano ritorsioni che colpiscono la collettività.
    non dimentichiamo che l’associazione che riunisce i farmacisti ha “avvertito” che se le parafarmacie venderanno medicinali senza obbligo di ricetta, per tutta risposta, aumenteranno il prezzo dei medicinali.
    non possiamo vivere in un Paese che quotidianamente deve fare il gioco al ribasso, preda di rappresaglie, per scongiurare catastrofi.

  8. gianlucalbanese ha detto:

    Ma quante belle cose di Sinistra ha detto la pasionaria riccia del Pd! Brava brava…

    Sull’adesione di Migliore al progetto “Andiamo in bici” non avevo dubbi : In fondo, nonostante i lineamenti maghrebini e il fisico da gazella degli altipiani del Kenya, è un cittadino europeo a tutti gli effetti. Avanti, saltiamo tutti sul sellino “alla bersaglera”! Ma non come fantozzi, però… 🙂

  9. UMI ha detto:

    Condivido molto di quanto scritto nel post, ma di solito la protesta è per chiedere diritti e migliori condizioni, non di certo per fare la vacanze a Cortina o alle Maldive, infatti i parassiti di stato mica protestano mai loro hanno il loro parassita protettore che pensa a tutto, salvo fatte eccezioni quando rischiano il posto allora si che li senti sbraitare, certo dove lo ritrovano un posto caldo dove non fai un c…o e ti ci pagano pure!

    Per il Cile le cose sono un po’ diverse almeno secondo quel che ne so io, fu la CIA a manovrare il tutto con l’El Quartizado.

  10. Alessia ha detto:

    speriamo di non aver detto troppe cose di siniscstra, quella marxscista leniniscsta, altrimenti danno della comuniscsta anche a me!
    🙂

  11. Alessia ha detto:

    dimenticavo mascimaliscsta…:)

  12. antonia ha detto:

    a mio parere avete dato un taglio troppo politico ad una discussione che verte su un argomento che di poliitico non ha molto. Credo che tra i camionisti che a migliaia si sono fermati e hanno messo in ginocchio l’italia ci fossero sia uomini di destra che di sinistra. La gente protesta perchè non ce la fa più a vivere in queste condizioni, oberata dalle tasse e dalla pressione fiscale, insoddisfatta delle condizioni contrattuali e delle leggi sul lavoro. Oggi protestato i camionisti, ma ieri ilo hanno fatto i metalmeccanici, e se non sbaglio poco tempo fa in migliaia hammo sfilato contro la riforma delle pensioni. Mi pare sia evidente che qualcosa in questo governo non vada, e sarebbe bello che anche i sinistroidi più convinti lo ammettessero…
    PS: per max e Gianluca: mi piacerebbe venire a trovarvi all’ufficio vendite, quando posso passare?

  13. gianlucalbanese ha detto:

    Mi piacerebbe leggere una critica più precisa e circostanziata sull’azione di governo. Rammento ancora che, parlando di giustizia sociale ed equità, il governo precedente aveva ridotto le imposte sul reddito, ma per le classi più abbienti, portando l’aliquota massima dal 45 al 43%. Questo è quanto di più indegno si possa fare, in un Paese in cui il potere d’acquisto di salari e stipendi è sceso enormemente, non “per colpa dell’euro” ma di quei commercianti disonesti che, con l’implicito benestare del loro “GOVERNO AMICO” (quello di destra) hanno speculato sui prezzi. Il governo attuale, invece, sta affrontando seriamente il problema dell’evasione fiscale, che è colpa di lavoratori autonomi e imprese. Apriti cielo! tutti si sentono penalizzati e protestano. I tassisti, i professionisti, i camionisti, notai, farmacisti e così via. Non escludo che tra qualche settimana scendano in piazza anche MOntezemolo, Briatore, Fabrizio Corona, Lele Mora e l’immancabile Ricucci. Tutta gente che accumula capitali e non redistribuisce ricchezza e che, anzi, pretende aiuti di stato, come fanno il sig. Montezemolo e i suoi accoliti, che chiedono gli aiuti di stato per le imprese e poi aprono le fabbriche nell’Est Europa e in India, chiudendo quelle italiane. Condizione essenziale per uno stato equo, è che tutti i cittadini paghino imposte e tasse, in base al criterio di progressività fiscale (chi più guadagna paga di più) e che non lo facciano solo i lavoratori dipendenti, come è sempre stato, visto che a loro viene applicata la ritenuta alla fonte. Quello attuale è l’unico governo possibile, se vogliamo parlare di governo. Dall’altra parte, c’è solo un comitato d’affari di estrazione piduista con An e Udc a fare le belle statuine, anche se ultimamente sembrano essersi destati dal loro torpore. Ma contano quanto il due di coppe. Oggi gli iscritti alla P2 fondano partiti dal nulla e arrivano a palazzo Chigi. Non solo. Si prendono gioco della storia d’Italia dedicando una fiction a un personaggio pericoloso come Licio Gelli, il cui ruolo sarà interpretato da George Clooney. Ci mancava solo questo, dopo la fiction su Totò Riina. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!

  14. UMI ha detto:

    @gianlucalbanese hai perfettamente ragione un po’ su tutto, purtroppo non esiste almeno per ora un governo che accontenta tutti, ma dire che questo è buono perché combatte l’evasione mi pare esagerato, sta facendo una parte che gli compete ma questa parte poi se la riprende con la spesa pubblica che nell’ultimo anno è drasticamente aumentata, quindi serve più che altro a mantenere sontuosi emolumenti di stato, ovvero i ricchi di stato che guarda caso loro si tassano una parte dello stipendio che noi gli paghiamo al 9,5% … e chi ci rimette sono di sicuro tutti gli altri che, gli operai che per quattro soldi ci lasciano la pelle e i lavoratori autonomi che per guadagnare lo stipendio lavorano anche 16 ore al giorno.

    La casta non è solo un libro!

  15. Max Reale ha detto:

    Hai ragione Antonia quando dici che i camionisti sono esasperati per l’eccessiva pressione fiscale (anche se insisto nel dirti che l’ultima cosa che farei sarebbe quella di sottoporti ai guasti di un invito all’ufficio vendite…);
    hai ragione Luca quando dici che dal tuo punto di vista ( e anche dal mio), il governo Prodi ha fatto registrare perlomeno un inversione di marcia e sta faticosamente cercando di ripartire, ma nella direzione giusta;
    hai ragione Alessia quando dici che probabilmente questi scioperi sono strumentalizzati da qualcuno che vorrebbe dare il colpo di grazia al noschhro(!) premier.
    Amici, abbiamo ragione tutti perche’ la situazione che ha trovato Prodi e’ quella di un paese allo sbando e lui non ha la bacchetta magica. L’Italia e’ un paese in emergenza in ogni suo reparto: SANITA’, ECONOMIA, SCUOLA, AMBIENTE, TRASPORTI, DEBITO PUBBLICO ECC ECC. Questa situazione Prodi l’ha ereditata da sessant’anni di malgoverno… con il terribile tocco finale dei 5 anni di Berlusconi!
    Io sono squattrinato, ma Prodi lo rivoterei altre 100 volte, perche’ non dimentico la frustrazione di quegli anni in cui all’estero identificavano l’Italia con la figura inadeguata ed imbarazzante del “Borlotto nano”.

  16. giorgio ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    scusatemi se non mi sono fatto più sentire ma sono stato molto impegneto nel vedere Prodi e il suo governo mandare in tilt la nostra bella Italia, forse una volta .Ora è solo un paese allo sfacio. Quello che è successo con lo sciopero fatto dagli autotrasportatori ci ha dato la conferma di dove siamo arrivati con questo bel governo ” alla fame “. Ieri sera in ballarò hanno intervistato alcuni cittadini di Milano e Roma. Questi poverini erano dei pensionati che non riescono ad arrivare a fine mese e stavano rovistando tra i rifiuti lasciati dai vari mercati per cercare della frutta per poterla mangiare a Natale. Vi rendete conto, cose da dopo guerra io non so a che punto si potrà arrivare e ho paura solo a pensarlo. Se si va a vedere tutto quello che ci sta succedendo intorno per colpa dell’ attuale governo, altro che festeggiare il Natale in pace si dovrebbe fare una rivolta vera e propria e far si che alla fame ci finiscasno Prodi e compagnia bella una volta per tutte. E’ inutile che vi ammazziate a difenderli e a prendervela con Berlusconi perchè la realtà è evidente per tutti tranne che per quei poveri cechi che non vogliono vedere.

  17. gianlucalbanese ha detto:

    Bentornato Giorgio!

    Poveri cechi? Ma hai mai sentito parlare di Franz Kafka, Zdenek Zeman, Alena Seredova, Pavel Nedved, Karel Poborski e (mi sia consentita la citazione personale) Klara Kraumanova? Sono tutte grandissime e bellissime persone (soprattutto l’ultima). Tutte nate in Repubblica Ceca. Perchè non andiamo in vacanza a Praga insieme? Magari conosci qualche bella ragazza e ti dimentichi di tutti quelli che hanno rovinato l’Italia, come Romano Prodi, Alessia Ferraro, Migliore e così via. Dai, non fare così che siamo vicini a Natale. Stemperiamo i toni e non facciamo delle analisi socioeconomiche semplicistiche. Sì, insomma, facciamo i bravi.

  18. Alessia ha detto:

    la situazione che stiamo vivendo negli ultimi tempi è il risultato non solo di una politica nazionale durata oltre quarant’anni tesa a preservare gli interessi di pochi a discapito dei molti e cieca di fronte alle vere necessità del Paese, ma anche delle ripercussioni che in una economia globalizzata, quale è quella dei Paesi più industrializzati, possono avere le guerre in Medio Oriente, le crisi dei mutui in America e lo scossone ai già precari equilibri della vecchia Europa indotti dalla moneta unica e dall’ingresso nell’Unione. non sono un’economista ma non ci vuole molto a capire che se siamo nella condizione critica del presente ciò non è dovuto solo ed esclusivamente alle scelte di questo Governo, che sta cercando di azzerare il debito pubblico prima che l’UE ci salassi con altre multe milionarie perchè non rispettiamo il patto di stabilità, ma affonda le sue radici in un passato che ha distrutto invece di costruire. tempo fa si diceva che gli errori del momento sarebbero stati pagati dalle generazioni future: quel momento è arrivato e il conto è stato presentato a noi! non crediamo alla ridicola storiella che con Berlusconi tutto questo non sarebbe successo; avremmo continuato ad illuderci, a vivere al di sopra delle nostre possibilità, a comprare telefonini, televisori al plasma e auto nuove cambiandoli come si cambia un vestito, facendo finanziarie su finanziarie, prestiti per coprire prestiti, rinviando a dopo il momento dello scontro con la dura realtà. basta ricordare che più di una volta la Corte dei Conti ha richiamato il precedente governo di centro-destra perchè faceva spese non coperte dalle casse dello Stato, e questo perchè gli italiani, come i romani al tempo di Nerone o Cesare, inneggiano a chi gli dà “panem et circenses” oppure “pane, farina e forca” come si usava dire nella Napoli del periodo borbonico. sono le formule del benessere popolare e quindi politico: uno strumento in mano ai governanti per sedare i malumori popolari. ricordiamoci, però, che la lotta all’evasione fiscale sta dando risultati fino a poco tempo fà insperati. forse è per questo che personaggi di dubbio gusto e di miserrimo spessore culturale e politico come Berlusconi o la Brambilla, dall’alto dei loro miliardi di fatturato, gridano alla lesa maestà facendo leva su un inesistente popolo che li sostiene? basti pensare che a Siderno sono stati capaci di raccogliere SOLO poco più di 300 preadesioni al nuovo partito per rendersi conto che è tutta una manovra di facciata, utile solo a chi l’ha architettata.

  19. giorgio ha detto:

    Caro Gianluca,
    non mi sembra il momento di scherzare e di soffermarsi su un semplice errore di scrittura , non si tratta di essere buoni o cattivi ma seplicemente realisti niente di più.Purtroppo mi dispiace dirlo la realtà è molto brutta, più che clima natalizio si respira clima di sofferenza e malcontento e non parlo solo a livello locale, inutile negarlo.Alessia sicuramente Prodi non ha colpa al 100% di quello che sta accadendo nel nostro paese però non mi sembra che stia facendo qualcosa per migliorare la situazione, anzi la sta peggiorando, visto che tranne che aumentare le tasse e diminuire le entrate dei cittadini non stia facendo niente altro.Poi finiamola di prendercela con Berlusconi, la Brambilla e gli altri politici della cdl solo per partito preso siamo realisti, sicuramnte Berlusconi nel passato governo ha fatto degli errori ma l’ attuale governo cosa sta facendo di buono per riparare agli errori passati?Niente proprio niente tranne che rubare nelle nostre tasche per riempire le proprie.Poi dici che il nuovo movimento politico di Berluconi non è ben visto dai cittadini italiani, sai come ti vorrei rispondre , andando subito alle urne ,stai certa che sarebbe una bella risposta per te e quelli come te che secondo me vivono in un mondo parallelo.

  20. Max Reale ha detto:

    Su ZdeneK Zeman ho i miei dubbi… lo considero solo un mitomane, ma per il resto sottoscrivo quello che hanno detto il “grande Luca” e la “pasionaria riccia del PD”. Stemperiamo i toni e non carichiamo Prodi di colpe che, in grandissima parte, non ha: purtroppo ( o per fortuna…) e’ venuto il momento di stringere la cinghia e PAGARE LE COLPE DEL PASSATO PER AVERE UN FUTURO, e cercare di non fare la fine dell’ Argentina.

  21. giorgio ha detto:

    Gianluca stamattina ti stavo per mettere sotto con la macchina e non tene sei neanche reso conto. Se quando scrivi sul giornale stai attento come stai attento quando attraversi la strada siamo messi bene.

  22. gianlucalbanese ha detto:

    Hai ragione : devo stare più attento. E soprattutto non dare per scontato che ci siano sempre degli automobilisti così cortesi da fermarsi per permettere a me e agli altri pedoni di attraversare la strada. Potevi scendere e presentarti. Avrei potuto offrirti il caffè…pazienza. Sarà per la prossima volta.

  23. giorgio ha detto:

    Gianluca ,
    guarda che se io non fossi stato cosi cortese da fermarmi a quest’ ora non potresti ne leggere ne scrivere più quindi… e poi non stavi mica attraversando sulle striscie pedonali.Per il caffè non mancherà tempo.Caro Max mi sa che siamo su una buona strada anzi ottima e purtroppo faremo molto presto la fine dell’ Argentina.Sappilo questa è la dura realtà.

  24. gianlucalbanese ha detto:

    Non so come esprimerti la mia gratitudine. Faccio come fece diversi lustri fa Frate Giuseppe Cionfoli. Ti scrivo “solo grazie”. Buon Natale. Di cuore

  25. Alessia ha detto:

    la realtà, caro Giogio, è che se tornassimo alle urne in questo momento Berlusconi da solo non andrebbe da nessuna parte. ha bisogno dei suoi alleati e anche se ha già detto che gli vuole un mondo di bene subito dopo però ha aggiunto che se vogliono continuare a vivere, o sopravvivere dipende dai punti di vista, devono entrare nel nuovo partito. ma poi sai quale sarebbe il risultato? nè più nè meno quello ottenuto col referendum sul nome del nuovo partito. le briciole vi ha lasciato! dov’è la costituente del nuovo partito? dove sono i cittadini? o sarebbe meglio dire popolo, visto che hanno deciso di chiamare i cittadini italiani così… se faremo la fine dell’Argentina è perchè l’abbiamo voluto noi e un altro al posto di Prodi, come ho già detto, ci avrebbe dato il contentino per farci stare buoni evitando di risolvere i problemi. e quella sarebbe stata l’anticamera di una rivolta violenta. vuoi questo?

  26. Alessia ha detto:

    …quindi un plauso al ministro Melandri che ha disposto un prestito d’onore ai giovani studenti e neo-laureati di 6.000 euro per il quale garantisce lo Stato; apprezzamenti vanno anche al ministro della sanità Turco che ha aumentato il numero di medicinali e delle visite specialistiche esenti da ticket; un altro riconoscimento va anche al ministro Fioroni che ha deciso che i nostri studenti, tra i più ignoranti in Europa, tornino a studiare materie fondamentali come l’italiano e la matematica così forse si eviteranno quegli errori madornali che si sono visti anche su questo blog. il Governo sta ottenendo ottimi risultati nella lotta all’evasione fiscale, al lavoro clandestino e alla criminalità organizzata. non dimentichiamo gli incentivi ai giovani che decidono di andare a vivere per conto proprio. merita di essere menzionato il rifiuto del ministro Di Pietro di continuare a fornire denaro pubblico a una società come la Trenitalia che è sempre in perdita, offre servizi a dir poco da terzo mondo e si permette pure il lusso di aumentare il costo dei biglietti.
    certo a nessuno piace farsi colpire dal fisco, tutti vogliamo sicurezza, legge e ordine sono i pilastri del buon governo e fanno bene i leader a mobilitare l’opinione pubblica, ma la verità politica dello stare a destra in Italia, pur nell’eufemistica e piccolo-borghese versione del nostro centro destra, è tutta risolta nella gara a intercettare il peggio della società italiana.
    le mie considerazioni su Berlusconi non sono per partito preso, sono il risultato dello spettacolo che certa destra negli ultimi tempi offre. e la destra che tornerà al governo, sempre se riuscirà a riunirsi e a costruire un vero progetto politico che a tutt’oggi manca, rinunciando finalmente ai facili applausi, sarà uguale agli italiani che la voteranno trasformandola a propria immagine e somiglianza, la peggiore mai capitata.
    le parole intrise di populismo solo per ingannare la folla lasciano il tempo che trovano: il PD ha realmente cambiato le dirigenze nazionale e locali, ha portato persone nuove a condurre un partito nuovo, tante donne e tanti giovani che nuovi lo sono davvero, senza lifting e trapianti di capelli.

  27. gianlucalbanese ha detto:

    Da cantare sul motivetto di “I’m popeye the sailor man” :

    Alessia ministro alè (clap clap)
    Alessia ministro alè (clap clap)
    Alessia ministro, Alessia ministro, Alessia ministro alè (clap clap).

    Il mio vuole essere un simpatico auspicio per il futuro della pasionaria riccia, e non ditemi che sto esagerando, perchè dopo che la Prestigiacomo è diventata ministro, penso che chiunque possa ambire alla titolarità di un dicastero.

    Ovviamente, non voglio offendere Alessia paragonandola alla Prestigiacomo, sia ben chiaro…

    Trovo altresì lodevole il fatto che qualcuno si sia preso la briga di spiegare alcune delle cose buone che sta facendo il governo Prodi, che voterei altre 10,100,1000 volte. Anche se si può fare meglio.
    Credo che i siti delle istituzioni della Repubblica andrebbero visitati più spesso, perchè l’informazione non è quella del borlotto nano e della sua servitù, ma quella ufficiale e seria.

    Ah, dimenticavo…sui siti di Repubblica e L’Espresso, troverete la trascrizione delle intercettazioni telefoniche tra il borlotto nano e Agostino Saccà. Da gustare fino in fondo. 🙂

  28. Paolo ha detto:

    L’intercettazione dimostra la bravura sull’unico mestiere che il signor B sa fare, e cioè l’attore!!!

  29. Alessia ha detto:

    ad maiora semper è l’augurio che ho fatto a te Gianluca e che faccio anche a tutti noi, me compresa. ci sarebbero altre, tante altre cose buone cha ha fatto il nostro Governo e che continua a fare. da domani le elencheremo tutte a futura memoria…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: