Illu s’a canta e illu s’a sona (lui se la canta e lui se la suona)

Chiedo scusa innanzitutto a Bob Dylan se utilizzo il filmato di una sua canzone storica per esporre il concetto, ma lungi da me voler accostare il menestrello del folk alla categoria di soggetti di cui intendo parlare. E’ solo un gioco di parole e di metafore. Veniamo a noi. Nei giorni scorsi abbiamo trattato della figura del Leva & Porta. Oggi parliamo di quello che “lui se la canta e lui se la suona”, ovvero di chi, nel goffo tentativo di far parlare di sè, di creare polemiche ad arte e di ergersi a protagonista, interviene pubblicamente esprimendo pareri o opinioni che non interessano a nessuno, proponendosi, tirandosi la volata da solo per poi ritirarsi, smentirsi e schermirsi. Insomma, tutto e il contrario di tutto. Quel che più lo addolora è sapere che i suoi colpi vanno a vuoto e non lo fila nessuno. Quindi, lui se la canta e lui se la suona. Allora, cari amici vicini e soprattutto lontani, come si definiscono da voi quelli che “se la cantano e se la suonano da soli?”. Qualcuno risponda, mi raccomando, altrimenti stavolta la faccio io la figura di quello che “lui se la canta e lui se la suona” 😀

Annunci

3 Responses to Illu s’a canta e illu s’a sona (lui se la canta e lui se la suona)

  1. gianlucalbanese ha detto:

    A parte un commento di Angelo che non ho potuto pubblicare perchè si riferisce in maniera troppo diretta a un soggetto che usa “cantarsela e suonarsela” da solo, non ho ricevuto alcun intervento su questo post. Significa che è questa la fine di quelli che “se la cantano e se la suonano da soli”? Spero di sì. Intanto, vi preannuncio che in occasione dei festeggiamenti per San Giorgio del comune di Martone, prima del momento apicale (quello della ‘ntinna, per intenderci…) come sollecitatomi da alcuni consiglieri comunali durante il matrimonio del primo cittadino lo scorso 30 aprile, salirò sul palco per cantare il mio capolavoro “Sindaco di Martone” in collegamento diretto e in videoconferenza con Frank Sinatra che, dall’aldilà, proseguirà l’esecuzione del brano riconducendolo alla dimensione originaria della sua “Strangers in the night”. E poi non dite che non organizzo dei grandi eventi, io… va bene? Popolo bue e ingrato! 😀

  2. Virginia ha detto:

    Se mi dici cos’è la ‘ntinna e mi mandi il video della performance alla festa di S Giorgio, ti faccio scritturare per la serata re la vacca re fuoco, che si tiene in agosto in onore di S Rocco nel paesino di montagna dove trascorro il ferragosto! 🙂
    Chi si mette in mostra da solo senza grande successo da me viene detto ‘o sparapose’, classico tipo ‘ca si non s’avanta schiatta’.
    E falli schiattà! 😉

  3. gianlucalbanese ha detto:

    Allora, se non vado errato, la ‘ntinna dovrebbe essere una specie di albero della cuccagna, ma il mio amico e collega sindaco di Martone, visitatore occasionale di questo inutile blog, potrà essere più chiaro. Mi sa che la festa di San Giorgio viene prima di ferragosto, vero sindaco di Martone? Quindi possiamo procedere allo scambio culturale con la “vacca re fuoco” 😉 e io potrò dimostrare che gli eventi di cui mi rendo protagonista vanno “al di là degli angusti confini regionali”…

    😀 😀 😀 😀

    Grazie Vidi, ci vediamo a ferragosto! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: