Una canzone per l’estate

Ci avete pensato che l’estate è iniziata da qualche settimana e ancora non c’è in giro un vero e proprio tormentone, ovvero un brano che identifica l’anno, la stagione estiva in particolare e che ci fa ricordare i mesi che stiamo vivendo nei decenni a venire. Già, forse l’ultimo grande tormentone è stato “Dammi tre parole, sole, cuore, amore” di Valeria Rossi, ma risale a oltre un lustro fa. Perchè il vero tormentone è una canzone concepita proprio per l’estate. Orecchiabile, disimpegnata e che entra in testa già al primo ascolto. E’ il caso, per esempio di quelli degli anni ’80 come “L’estate sta finendo” dei Righeira, “Self control” di Raf o “Fotoromanza” di Gianna Nannini. Anche nei ’90 c’è stato qualcosa, come ad esempio la “Macarena” del ’96. Nel nuovo secolo solo robetta. Almeno, per quanto riguarda i tormentoni estivi. E così, scopri che le cose migliori risalgono sempre a qualche decennio fa e poi, del resto, quest’anno non ci sarà neanche il Festivalbar. Ora, se mi dovessero dire: «scegli il tormentone per antonomasia, il brano che più di ogni altro identifichi con l’estate» non ho dubbi. Per colpa di quel vecchio juke-box che trent’anni fa era sempre in funzione sotto casa mia e mi fece conoscere, tra gli altri, Gianni Togni e gli Alunni del Sole, torno per un attimo bambino e scelgo l’intramontabile “Tu” di Umberto Tozzi. I fan del cantautore torinese mi odieranno perchè identifico il loro beniamino come “quello dei tormentoni”, ma la trilogia “Ti amo” (1977), Tu (1978) e Gloria (1979) è stata inarrivabile. Tre estati su tre. E a distanza di trent’anni, non ci siamo stufati di ascoltarlo.

Annunci

6 Responses to Una canzone per l’estate

  1. Virginia ha detto:

    Ne ricordo tanti di tormentoni estivi! Tra quelli vintage citerei, oltre a quelli già citati da te, ‘Luglio’ o ‘Una rotonda sul mare’ o ‘Azzurro’ . Tra i più recenti ‘Vamos a la playa’ o tutte le canzoni legate a un ballo di gruppo: Bomba, o Chihuahua e simili.
    Tozzi però in effetti è inarrivabile come re dei tormentoni: più di così non ci poteva tormentare! 🙂

  2. marianna ha detto:

    ogni volta che ascolto “gloria” o “i like chopin” mi viene in mente l’estate al vecchio juke-box della fata morgana… rivoglio gli anni ’80!!!

  3. giuseppe ha detto:

    Come poterti dare torto! Quegli anni erano miracoli estivi veri e propri. La famosa trilogia fece innamorare migliaia di adolescenti come me in tutta Italia e tu, Gianchi, sabato mi hai regalato piccoli brividi quando, tra un primitivo del Salento e un fruttato di Giovanna, mi hai fatto riascoltare quei brani stupendi.
    Un consiglio alle nuove generazioni: anguria, falò e….”Ti Amo” di Tozzi…
    Le donne vi cadranno ai piedi…..

  4. Ale85 ha detto:

    1977 l’ anno di “Ti amo”…
    Nascono le prime radio libere come Radio Siderno, Radio Roccella, Radio Locri, Radio Furci…. e le prime tv libere, a inizio anno TeleJonica e TVR Jonica poi durante l’ estate TeleRadio Sud.
    Il 1977 è un anno che sarà storico per l’ informazione libera…

    E tu Gianluca che cosa dici di quela anno ?

  5. Alessia ha detto:

    per questa estate segnalo come divertenti, e anche interessanti, la canzone di FabriFibra assieme a Gianna Nannini “In Italia” e quella di Caparezza “Vieni a ballare in Puglia”.

    🙂

  6. emanuele75 ha detto:

    io dedico sul mio blog dei post appositi a queste canzoni per l’estate. Passi da me??? . Comunque direi “Baila el Chiki Chiki” di Rodlfo chikilicuatre
    http:// euromusica.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: