Ministero per l’attuazione del programma…della P2!

Nel dare il benvenuto a Sasà Albanese (per i non locridei: è l’ex segretario provinciale dei Verdi), invitandolo a tornare spesso e a intervenire nelle discussioni di questo inutile blog, ho capito finalmente il senso della creazione di questo nuovo vulnus berlusconiano, ovvero il ministero per l’attuazione del programma. Quale programma? Ma quello della loggia massonica P2 di Licio Gelli, che tra le sue priorità aveva la rottura dell’unità sindacale e l’indebolimento delle forze che rappresentano il mondo del lavoro. Ci sono riusciti, a suon di trattative riservate, incontri a palazzo Grazioli e accordi separati. Da ex sindacalista (cislino, peraltro…) questo mi fa molto male. Non che la Cgil sia il massimo, per carità, però… rompere l’unità sindacale è qualcosa di molto pericoloso in uno stato democratico. Intanto, il programma della P2 procede la sua corsa verso la piena attuazione. Tra l’altro, e non è per polemizzare sempre con gli amici del Pd, prevedeva anche la creazione di due grandi partiti: uno di centrodestra e uno di centrosinistra.
Non è che il gran maestro venerabile aveva capito tutto già trent’anni fa? 😦

Annunci

6 Responses to Ministero per l’attuazione del programma…della P2!

  1. Virginia ha detto:

    No, dai!!! Non potevi essere cislino….
    Io quelli della CISL ai tavoli della contrattazione me li magno!!! ( sono RSU, RLS, dirigente provinciale e componente di due commissioni regionali della FLC, il sindacato scuola della CGIL)
    ‘cci tua, m’è caduto pure il mito Gianluca…

    😉

  2. Alessia ha detto:

    questo consiglio dei ministri è uno dei più insulsi e inetti che si sia mai visto! (speriamo che per questo non mi quereli nessuno…)
    è fatto proprio per dire si al padrone di casa nonchè datore di lavoro.
    penso che ormai sia di dominio pubblico la malattia del premier come anche le dosi massicce di medicinali che quotidianamente deve assumere: forse scambia gli effetti collaterali dei farmaci, insonnia e rigidità vascolare, con “prodezze” da vero uomo!
    direbbero in America: italian stallion…!
    per il resto mi preoccupa anche il fatto che Licio Gelli conduca un programma televisivo du Odeon TV (se non mi sbaglio), e non tanto per il fatto in sè quanto perchè gli argomenti di cui si parlerà si riferiscono alla storia d’Italia dell’ultimo secolo: il pericolo è che “certe interpretazioni” tutte particolari dei fatti storici alterino la visione della verità soprattutto perchè ancora così attuale e vicina a noi da essere opinabile.

  3. gnuzzu1 ha detto:

    carissimo gianluca non sei l’unico a pensarla cosi
    un paio di giorni fa il Gran maestro(Licio Gelli) su odeon tv
    osannava il Berlusca e il Dell’utri dicendo che sono gli unici a cui fidarsi

  4. Alessia ha detto:

    ecco fatto! speravo di sbagliarmi e invece gnuzzu1 ce ne da conferma.
    la cosa che possiamo augurarci è che “…venga una man dal cielo…” e metta fine, in qualunque modo, a questo disastro.
    è di poco fa la notizia della elezione, coi voti del PDL, alla presidenza della commissione vigilanza RAI di un esponente del PD che ha prontamente risposto di non accettare l’incarico perchè andrebbe contro il partito.
    anche questo, insieme al decreto sulla scuola, alla vicenda Alitalia, gli aiuti alle banche, la riforma universitaria (era davvero così urgente?), è un danno enorme ai fondamenti democratici del nostro Paese.
    ci vorranno, come sempre dopo ogni governo Berlusconi, anni di sacrifici e di lavoro solo ed esclusivamente per rimettere le cose in ordine, almeno limitando i danni.
    come se ne avessimo bisogno…
    quello che mi sorprende di più, però, sono le lamentele che vengono proprio da chi li ha votati, a tutti i livelli. cittadini, amministratori…i parlamentari no, perchè se parlano il padrone li caccia. in fondo con questa legge elettorale loro sono soltanto assunti.
    e neppure a tempo indeterminato…

  5. gianlucalbanese ha detto:

    Gli interventi di Alessia e Gnuzzu sono sempre graditi. Davvero 🙂 A Virginia devo rivelare che la mia esperienza in Cisl non è stata affatto negativa…anzi! Pur non essendo stato mai “distaccato” viste le innumerevoli attività alle quali mi dedico e mi dedicavo, ho sempre fatto attività sindacale “a spizzichi e mozzichi”. Sono stato Rsu, delegato nel consiglio provinciale e regionale e poi, in un magico triennio dal 2003 al 2005 membro della consulta nazionale che partecipa alle trattative e alla stesura del Ccnl e quindi un paio di volte al mese partecipavo alle riunioni nella sede di Confindustria in viale dell’Astronomia a Roma. Ho, inoltre, partecipato ad un paio di corsi di formazione nella splendida struttura di Firenze, alle porte di Fiesole, e una volta a Pescara. Insomma, pur non essendo mai stato fan nè di Pezzotta, nè tantomeno di Bonanni, devo riconoscere che, almeno da delegato, ho vissuto una bella esperienza, che ho dovuto terminare all’inizio del 2006 quando è iniziata l’avventura giornalistica di Calabria Ora alla quale dedico le mie principali energie. Devo dire che anche gli altri delegati non erano tutti ex democristiani: c’era di tutto, anche fascisti e compagni. Ma si condivideva l’approccio pragmatico alla risoluzione delle questioni, scevro da condizionamenti ideologici e improntato al credo del “negoziare sempre”. Ora, sapere che il segretario generale della Cisl tiene incontri riservati col piduista, mi mette tanta, ma tanta tristezza 😦

  6. Virginia ha detto:

    Nemmeno io sono distaccata, Gianluca, perché qui da me la CGIL scuola ha pochissimi iscritti. E’ distaccato solo il segretario provinciale e ha un semidistacco la segretaria organizzativa, gli altri siamo ‘volontari del sindacato’. Pensa che si fanno i turni per andare ad aprire l’ufficio FLC nella sede provinciale, che diversamente starebbe chiuso…Eppure, nonostante tutto, la CGIL è l’unico sindacato qui che ancora dà un aiuto, quando può, ai lavoratori.
    La CISL invece è il sindacato dei datori di lavoro, da sempre e in tutti i settori; potrei citarti esempi accaduti a me, ma ti dico l’ultimo successo a mio marito: quelli della CISL stavano convincendo lui e i colleghi a firmare la mobilità volontaria, mentre avevano diritto alla cassa integrazione e alla conservazione del posto, visto che da gennaio la ditta per cui lavorano riavrà le commesse! Per fortuna è intervenuto il compagno della CGIL !
    Quelli della UIL poi … una manica di ignoranti! A Bruno che chiedeva chiarimenti su cassa integrazione e mobilità, il segretario regionale rispose che lui non ne sapeva niente!!!
    Per questo sono piuttosto scettica, ma non dico certo che tutto è negativo e sono sicura che la tua esperienza sia stata bella, come lo è la mia, che per ora è ancora in atto. Finché potrò, ovviamente…

    Per quel che riguarda la deriva piduista dell’Italia… mah, è già stato detto tanto da Alessia e gnuzzu, preferisco non dire altro… o forse potrei dire che abbiamo avuto 7 anni Berlusconi con le palle sul ceppo e non gliele abbiamo tagliate, mò di che ci lamentiamo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: