Parole molto significative

Sono appena tornato dalla messa per la scomparsa del compianto Domenico Reale, padre dei carissimi amici Max e Peppe. Mi ha colpito molto l’accorata omelia di don Massimo, il sacerdote della mia parrocchia. Uno che quando dice qualcosa non è mai banale. E infatti, ha detto una sacrosanta verità: la scomparsa fisica di una persona, nella fattispecie di un padre, non rappresenta mai un distacco definitivo, perchè chi è riuscito, come Domenico, a trasfondere dei valori ai propri figli, non muore mai completamente. E Peppe e Max, coi loro valori sani, puri e ferrei, sono una rarità nel mondo contemporaneo. Per questo devono essere orgogliosi di loro padre, così come io sono fiero di avere degli amici così. Mi rendo conto che forse questo inutile blog non è il mezzo adatto per esprimere delle considerazioni così importanti, ma a volte un abbraccio, per quanto sentito e caloroso, forse non basta.

Annunci

8 Responses to Parole molto significative

  1. antonia ha detto:

    in queste cose non sai mai cosa dire. Il dolore per la perdita di una persona così cara come il padre è qualcosa di troppo grande e personale per poterla condividere con chiunque. Agli amici non resta che esprimere la propria vicinanza ed il proprio affetto, ma ogni parola consolatoria è inutile….Rinnovo da questo blog le condoglianze a Max, Peppe, Rosy e a tutta la famiglia Reale per questa grave perdita..

  2. Virginia ha detto:

    La nostra morte non è una fine se possiamo vivere nei nostri figli e nella giovane generazione. Perché essi sono noi: i nostri corpi non sono che le foglie appassite sull’albero della vita.
    Lo diceva Einstein, lo ripeto io a Max e Peppe con affetto.

  3. Pietro ha detto:

    Beh, sono d’accordo con don Massimo…e a Peppe e Max giungano anche le mie condoglianze.

  4. Peppe Reale ha detto:

    Gianlù, ho letto il tuo post e ti confesso che ho pianto. La scomparsa di mio padre, inattesa fino a qualche giorno fa, lascia la mia famiglia nel dolore e nello smarrimento, e credo che, come giustamente dice Antonella, non esistano parole per poter descrivere le sensazioni che prova un figlio, o una moglie, in questi momenti. Condivido in pieno il tuo giudizio sull’omelia di Don Massimo, mi è stata molto d’aiuto soprattutto in un momento, quello dell’addio “fisico”, quando sigillano la bara, veramente terribile, così come mi è stata d’aiuto la fede, da una decina d’anni riabbracciata, dopo un lungo periodo di buio. Grazie dal più profondo del cuore a tutti coloro che ci hanno manifestato la loro solidarietà e la loro vicinanza, in particolare agli amici di sempre, non dimenticherò mai quello che hanno fatto per me e per la mia famiglia.
    Grazie Gianluca, anch’io sono fiero di potermi considerare tuo amico e ti giuro che il tuo abbraccio in chiesa è valso più di milioni di parole.

  5. max reale ha detto:

    Il dolore e’ grandissimo, anche perche’ papa’ era un uomo semplice ed estremamente legato alla famiglia nel vivere quotidiano.
    Era un uomo di poche parole ma quello che ci ha insegnato lo ha fatto dando lui per primo il buon esempio, mantenendo sempre una condotta da vero padre col suo saper essere sempre vicino, ma senza diventare mai opprimente.
    Da ragazzino ha dovuto crescere in fretta per la prematura scomparsa di suo papa’, diventando l’uomo di casa per sua mamma e sua sorella, lavorando come meccanico e successivamente come autista di pulmann.
    Negli ultimi anni, poi, era riuscito anche a svestirsi di quella corteccia che cercava di mantenere con noi figli, diventando il beniamino delle nuore, Rosy e Carmen e del nipotino Dodo’, che con il loro amore sincero lo hanno portato ad essere piu’ aperto ed a manifestare di piu’ i propri sentimenti e le sue emozioni.
    Ringrazio tantissimo Gianluca, Antonella, Virginia, Pietro e tutti quelli che ci hanno confortati con il loro affetto e la loro vicinanza: anch’io non dimentichero’ mai l’abbraccio fortissimo di Gianluca in chiesa, la lacrima sul viso di Antonella quando ha visto mia madre piangere sulla bara e tante altre piccole cose che terro’ sempre nel mio cuore come cose preziose.
    Grazie a tutti e GRAZIE PAPA’: la tua onesta’ e la tua semplicita’ vivranno nei tuoi figli e dei tuoi nipotini.

  6. Teresa Cherubino ha detto:

    Ciao Max e ciao Peppe….Non so dirvi quanto sono dispiaciuta e quanto mi senta inutile nel non poter dare conforto a delle persone cosi care e a cui voglio molto bene…Avrei voluto anch’io essere li’ con voi tutti…Lo sono stata pero’, con tutto il cuore, vi ho pensato ogni giorno e continuo a farlo.E questo vale anche da parte di Paolo.Fatevi forza, e’ un momento molto triste e doloroso, ma, come dice il vostro amico Gianluca, vostro padre vivra’ sempre….in voi,,,,nei vostri figli…E’ stato un padre meraviglioso ed ora è un Angelo Meraviglioso che veglia su di voi…Vi abbraccio forte forte, nell’attesa di poterlo fare al piu’presto di persona e, spero,nel mio piccolo, di riuscire a trasmettervi forza e coraggio…Vi voglio bene,
    Teresa

  7. max reale ha detto:

    grazie agli Amici come voi sara’ meno difficile superare questo momento.
    Grazie Teresa e Paolo

  8. Alessia ha detto:

    stare lontani dal blog per qualche giorno significa questo: aprirlo un giorno per vedere cosa dice di nuovo Gianluca e trovare una notizia come questa che mi ha lasciato di sasso!
    conosco Max e Rosy da poco tempo, se l’amicizia si dovesse misurare attraverso un calendario, ma li conosco da molto tempo se invece la stessa amicizia la misuro col metro dell’affetto e della stima.
    avvenimenti come questo lasciano un gran vuoto dentro e la sensazione di vivere come in una bolla, sospesi per aria quando l’aria manca, alla ricerca affannosa di qualcosa, o qualcuno, che neppure sai. non posso immaginare cosa sia per Max e per suo fratello Peppe la perdita del padre, ma dalle loro parole comprendo lo stato in cui si trovano ed è triste per gli amici non trovare le parole giuste per riuscire ad essere di conforto e sostegno in questi momenti.
    vorrei fare di più…vorremmo tutti fare di più!
    vi sono vicina in questi momenti difficili e tristissimi e quello che dice Max è la cosa più vera: siete voi il miglior ricordo e il segno indelebile del passaggio in questa vita di vostro padre, del suo spirito e dei suoi desideri, che vivono giorno dopo giorno in ogni gesto, ogni parola, ogni sguardo e ogni sorriso che donerete al prossimo.
    un abbraccio affettuosissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: