Sally

Vent’anni fa Vasco Rossi era il mio cantante preferito. Ora non lo è più.Tuttavia, nel corso degli anni, ci ha regalato di tanto in tanto delle vere e proprie chicche, come questa “Sally”, uscita dodici anni fa. Col passare degli anni sembra diventato una sorta di inno femminista, forse per via della grande interpretazione di Fiorella Mannoia, ma io, goffo ermeneuta dei testi dei cantautori, trovo che sia riduttivo pensarla così. Già, perchè, come accaduto in passato, Vasco ha già parlato di se stesso in terza persona e usando un nome di donna in “Jenny è pazza”, canzone del 1978 in cui parlava del suo esaurimento nervoso. Quindi, mutatis mutandis, potrebbe esserci parecchia autobiografia in “Sally”. O forse la canzone va dedicata alla Sally che c’è in tutti noi, che preferiamo la passione e l’istinto al calcolo e alla convenienza. Che a volte ci pentiamo per poi renderci conto che “forse qualcosa si è salvato, forse davvero non è stato tutto sbagliato” e ci barcameniamo alla ricerca del nostro “equilibrio sopra la follia”. Sally è proprio una bella canzone. Godiamocela in questa versione “unplugged”. 🙂

Annunci

2 Responses to Sally

  1. Pietro ha detto:

    Beh, Sally, cantata dalla Mannoia è davvero una canzane fantastica! Non mi cimento nei risvolti sociali, ma a me mi crea sempre grosse emozioni, ascoltarla. Mi ricordo quando vidi la Mannoia live, a Casignana…che serata, ragazzi!

    Casignana è sempre stata una piazza importante per le feste patronali, sono sempre arrivati grossi cantanti…poi vabbè, la vecchia golf bianca perdeva acqua da ogni parte…ma insomma, ce l’abbiamo fatta a tornare a casa…

  2. Virginia ha detto:

    Io ho ascoltato Sally dal vivo sia eseguita dalla Mannoia qui ad Avellino che da Vasco a Napoli. Bellissime entrambe le esecuzioni, però devo die che quando la canta Vasco ci sono delle pause che comunicano forse più delle parole…
    Rispetto a Blasco, io ho fatto un percorso inverso al tuo, Gianluca. Da giovane non mi piaceva, adesso invece mi piace. Anche e soprattutto per quello sguardo non più spiritato ma sempre sorpreso…E comunque ‘cosa vuoi che ti dica io, senti che bel rumore’…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: