O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao

ROMA (2 settembre) – Il 19 settembre si svolgerà a Roma la manifestazione per la libertà d’informazione promossa dalla Federazione nazionale della stampa: lo ha deciso la segreteria della Fnsi riunita oggi per stabilire appunto le modalità dell’iniziativa in difesa della libertà d’informare che riunirà sindacati e mondo del lavoro. «C’è un allarme – dice la Fnsi in una nota – che sta diventando molto alto nel Paese. Non è la prima volta che è stata necessaria la mobilitazione anche contro governanti di segno diverso da quello attuale, ma oggi si sta vivendo una fase di grande delicatezza con attacchi senza precedenti. Non solo disegni di legge bavaglio, ma anche azioni forti in sedi giudiziarie e manifestazioni pubbliche che hanno l’oggettivo risultato di costituire una minaccia per chi fa informazione ritenuta non gradita. L’informazione non si farà mettere il guinzaglio».

Questo è il lancio della manifestazione del 19 a Roma. Io non ci andrò: impegni familiari, professionali e un cumulo di spese da sostenere mi impediranno questa trasferta capitolina che sarebbe assai gradita. Ma con la mente e il cuore sarò lì. Anche con questo inutile blog, presidio periferico di difesa della libertà di espressione contro il pensiero unico, omologato alla volontà del potentuccio di turno, sia esso un premier piduista, o un don Rodrigo paesano con il suo Griso. Non ci fermeranno. Perchè come scrisse un grande collega tempo fa, nel commentare un triste episodio che mi vide mio malgrado protagonista “gli editti, siano essi di Siderno o di Sofia, non hanno mai fermato la libera stampa”. Nemmeno – aggiungo io – le querele 😉

Oggi, tramontati i simboli storici, le bandiere di libertà di espressione sono il logo del Tg3, le testate nazionali come l’Unità e Repubblica, quelle locali che fanno informazione sul campo parlando spesso di argomenti scottanti, e la blogosfera, ultimo presidio di democrazia vera, pur in mondo virtuale. Presto, prestissimo, “Testa d’asfalto” colpirà anche noi blogger, o almeno ci proverà. Il canale satellitare “Current” del pacchetto Sky, trasmette spesso il documentario “Citizen Berlusconi”, in cui si ascoltano le testimonianze di prestigiose firme del giornalismo italiano come Travaglio e Sartori, oltre che colleghi e scrittori stranieri, che parlano della sua voglia, tutta piduista, di bloccare certe presenze in Tv (in primis Travaglio) perchè pericolose in quanto potenzialmente fruibili dalla massa dei telespettatori. I libri che raccontano le sue magagne, no. Quelli non fanno paura a Berlusconi, che spesso è l’editore di quei volumi, attraverso una delle case controllate dalla sua holding. Capito come ragiona l’autoproclamatosi “tombeur de femmes”? “Volete conoscere le mie magagne? Comprate i libri che saranno qualche migliaio e li leggono sempre i soliti comunisti e magari, se sono editi dalle case di mia proprietà ci guadagno anche; ma via dalla Tv di Stato gente come Travaglio, molto pericolosa per i miei disegni”. E i documentari verità? Quelli li lasciano ai canali satellitari.

Il 19 chi, può, vada alla manifestazione di Roma indetta dalla Fnsi. Io sarà qui con i miei ultimi simboli di libertà: il Mac book collegato al blog, una “mazzetta” di giornali liberi in mano, e, per dirla col Liga, “Ed in bocca una canzone…”

O BELLA CIAO, BELLA CIAO, BELLA CIAO CIAO CIAO

Annunci

4 Responses to O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao

  1. maxreale ha detto:

    Oltre all’INUTILE BLOG, che resta il mio preferito, mi capita spesso di dare un’occhiata al blog di Beppe Grillo e devo dire che consiglio a tutti di seguirlo perche’ li’ si viene a conoscenza di cose (accertate e documentate) che altrimenti non avrei mai saputo.
    In particolare lo spazio dedicato a Marco Travaglio e’ fantastico: perche’ Travaglio e’ uno che non guarda in faccia ai colori politici e denuncia tutto quello che e’ ingiusto e disonesto, a prescindere dalla destra e dalla sinistra. Inoltre e’ criticissimo nei confronti del PD e ora so molte cose che non sapevo (anche se Gianluca e Virginia molte volte mi hanno spronato a non fidarmi troppo di D’alema e compagnia bella….). Inoltre sul blog di Beppe Grillo ho conosciuto la europarlamentare di IDV Sonia Alfano che mi piace molto e spesso interviene su argomenti politici “scomodi”.
    Ormai e’ chiaro che per avere un minimo d’informazione sono rimasti solo pochi giornali, raitre e la rete: bisogna partecipare in massa a questa manifestazione del 19 perche’ questa continua intimidazione che viene operata ai danni di chi scrive liberamente deve finire.
    In questi momenti mi tornano in mente uomini come ENZO BIAGI e INDRO MONTANELLI, mostri di cultura che prima della morte hanno dovuto subire le angherie e gli insulti di questo signore che ci governa e che crede di poter comprare tutti con i suoi sporchi soldi. Quando Berlusconi lo caccio’ dalla TV perche’ diceva cose a lui non gradite, Biagi disse: la cosa peggiore che puoi fare ad un uomo e’ PRIVARLO DEL SUO LAVORO.
    Questa frase non la dimentichero’ mai e la dice lunga su quanto soffri’ prima di morire, per quello che dovette subire.

  2. pietro ha detto:

    Gianluca, Gianluca…con tutta la nebbia che c’è in val padana…:-)

  3. Virginia ha detto:

    Caspita, Max, sta a vedere che diventi un pericoloso comunista pure tu! 🙂
    Quella del 19 a Roma è una manifestazione importante per riaffermare ciò che è scritto nell’ art. 21 della Costituzione italiana: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
    La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

    Chi può, vada a Roma.

    Ci hanno già più volte manomesso la Costituzione, da destra e da sinistra, bisogna fermarli, ora, perché se manomettono anche questo articolo nessuno avrà più diritto al libero pensiero.

  4. domenico ha detto:

    ieri in macchina al ritorno da una riunione di lavoro ascoltavamo questa canzone….

    http://www.youtube.com/watch?v=K-VpPGI2S50&feature=fvst

    e la sensazione era quella… “come di aver un ovo sodo in gola, che non riesce mai a scendere e mai nemmeno a salire”

    d.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: