Il mondo è fatto a scale

E non è una metafora. In queste settimane di temporanea semi-infermità fisica mi sto accorgendo di come gli spazi per chi ha problemi a deambulare siano sempre ridotti da queste parti. La società capitalista, quella delle “furiose e vane corse” verso il profitto in tutte le sue manifestazioni, non ha tempo di aspettare chi non ha i mezzi per poter correre. E’ uno schifo. Da queste parti si parcheggia in maniera selvaggia, anche davanti alle passerelle per i diversamente abili, i gradini con la fascia antiscivolo sono una rarità e anche per andare a fare la spesa, rischi di cadere e scivolare. Io un giorno riprenderò la piena funzionalità della mia gamba infortunata (almeno lo spero) ma chi questa prospettiva non ce l’ha che fa? Vorrei che i prossimi candidati alla carica di sindaco, assessori e consiglieri del mio paese prendano impegni precisi nella politica volta ad abbattere le barriere architettoniche. Ma sul serio, però.

Annunci

4 Responses to Il mondo è fatto a scale

  1. maxreale ha detto:

    si, io penso che la cosa andra’ in porto, chiunque sia il prossimo sindaco:
    1)faranno una grande cena (a spese del comune) per parlare del problema
    2)affideranno ad un parente del nuovo sindaco o di qualche nuovo assessore l’indagine per sapere i costi dell’operazione, con tanto di parcella gonfiata
    3) affideranno i lavori ad un loro ‘affiliato’ con una regolarissima gara d’appalto alla quale si presentera’ una sola impresa
    4) inizieranno i lavori di rimozione dei vecchi marciapiedi ormai palesemente obsoleti e pericolosi
    5) se hanno qualche amico che produce gomme antiscivolo faranno una mega-ordinazione di questi modernissimi prodotti che consentiranno ai cittadini di non scivolare…. se no, niente
    6) diranno che per colpa dell’amministrazione precedente le casse del comune sono all’asciutto
    7) interromperanno definitivamente i lavori perche’ i soldi sono gia’finiti e non siamo neanche a meta’ dell’opera.

  2. domenico ha detto:

    caro amico, il tuo post mi ha fatto venire in mente un’idea. un manifesto programmatico per i prossimi candidati a sidnaco di siderno. una piattaforma insomma, cime si diceva una volta, composta punto per punto da contributi provenienti dai frequentatori del blog. sicuramente quello delle barriere architettoniche è un contributo validissimo. io aggiungerei una maggiore attenzione al fenomeno dei migranti che oramai sono molto numerosi a siderno e che non conoscono la lingua italiana, sarebbe importante creare una struttura per insegnare agli adulti le basi della nostra lingua. strumento fondamentale per una vera integrazione.

    d.

  3. RiVi ha detto:

    hola Gianluca, il tuo post credo sia scritto di pancia e avendo vissuto questo periodo di ”semi-infermità” hai notato un malcostume e una cronica maleducazione di chi se ne frega del prossimo fin quando non viene toccato da vicino, eliminare le barriere architettoniche è una sorta di utopia da sputare di volta in volta che si avvicinano elezioni o far bella figura…la verità è che non frega niente a nessuno…e non sarà mai un politico che ha due gambe funzionanti a vedere la difficoltà di uno scalino per entrare in una piazza o in un bar/pub/cinema…dovendo imporsi a rischio di perdere voti…continuando a ghettizzare chi nella società dei normali viene visto come un problema e non una persona…

  4. Virginia ha detto:

    Avendo recentemente avuto anch’io, come sai, un’esperienza ‘sinistra’, riflettevo l’altro giorno sull’uso della lingua italiana, con particolare attenzione all’avverbio ‘diversamente’ e all’aggettivo ‘diverso’: in italiano diventano equivalenti a ‘da emarginare’.
    Io non mi sento italiana, ma per fortuna o purtroppo lo sono, diceva Gaber…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: