Riposa in pace, Tonino Carino da Ascoli

Forse non è un caso se adesso, pur avendo un tasto verde del telecomando che mi permette di vedere i goal e le azioni salienti delle partite di campionato quando voglio e ogni volta che voglio, non le guardo quasi mai. Una volta, invece, aspettavo le 18 di ogni domenica per vedere Novantesimo Minuto. E uno dei suoi volti più noti, di quel giornalismo televisivo che fu, è morto ieri. Si trattava di Tonino Carino da Ascoli, reso noto negli anni ’80, oltre che da Novantesimo Minuto, anche dall'”asta tosta” di Ezio Greggio in Drive In dei primi anni ’80, quando l’allora esordiente comico piemontese ironizzava sul nome del giornalista televisivo offrendo sempre una sua gigantografia con l’immancabile cuffia in testa. Una vena ironica che lo stesso Carino riscoprì nel XXI secolo, quando divenne uno dei personaggi più autoironici di “Quelli che il calcio”.
Ieri se n’è andato un altro pezzo di quel calcio che non c’è più. Quello delle partite che si giocavano tutte alla stessa ora, dei numeri dall’uno all’undici e dei programmi televisivi come “Novantesimo Minuto” e radiofonici come “Tutto il calcio minuto per minuto” che ti facevano sentire l’accento del corrispondente, e vedere il solito e caciarone gruppo di tifosi napoletani dietro Luigi Necco, il compassato Gianni Vasino da Milano, il tenero Giorgio Bubba da Genova, il raffinato Marcello Giannini da Firenze e Cesare Castellotti da Torino coi suoi improbabili abbinamenti giacca-camicia-cravatta. Ma anche un giovanissimo Lamberto Sposini da Pisa, Giampiero Galeazzi da Roma e il nostro Emanuele Giacoia da Catanzaro che sicuramente non sfigurava al cospetto degli altri. E da Ascoli, città ai più sconosciuta per chi vive a queste latitudini, Tonino Carino narrava le gesta della squadra retta dal vulcanico presidente Costantino Rozzi che giocava in serie A. Era un altro calcio, che profumava di piatti tipici di ogni regione consumati prima delle partite in qualche trattoria. Oggi è tutto uguale, standardizzato, con le squadre che sembrano delle multinazionali senza un’anima e spider cam che ti fanno vedere tutto quello che non ti serve. Oggi sentiamo la nostalgia del grande maestro Beppe Viola, della sua arguzia e dell’impareggiabile ironia, e anche del buon Tonino Carino da Ascoli. Tenero e simpatico. Giornalista con l’aria del contadinotto incontrato in centro col vestito a festa. Di quelli che se t’incontrano hanno sempre un pensiero gentile e qualcosa da offrirti. Riposa in pace, Tonino. Ci mancherai

Annunci

3 Responses to Riposa in pace, Tonino Carino da Ascoli

  1. Pietro ha detto:

    Bello! Sottoscrivo tutto e mi associo al R.I.P. a Tonino Carino…e a quel calcio che non c’è più e che da ieri ci sarà ancora di meno!

  2. maxreale ha detto:

    quelli erano tempi! Alle 18 c’era 90° minuto ed alle 18:40 io aspettavo anche su raidue la differita di uno spezzone (circa la meta’) della partita clou della giornata che finiva intorno alle 19:20 e poi via col motorino anche in inverno(quando me lo prestava mio fratello)……… tempi genuini, tempi che non torneranno.

  3. Mike ha detto:

    è vero max,la differita del secondo tempo della partitissima della domenica dopo aver gustato Paolo Valenti e il suo 90′ min.con la schedina in mano in attesa dei risultati della serie C sono ricordi bellissimi, e che dire del mercoledi di coppa cone le italiane impegnate dalle 14.30 fino a notte fonda per rivedere tutti i goal, ma quello che forse mi manca di più sono i gruppetti di persone intorno ad una radio allo stadio comunale di Siderno che si prendevano in giro ad ogni interruzione di Sandro Ciotti o Enrico Ameri…che radiocronache,che bei tempi,sembrava una festa,sarà ma anche le partite che giocava il Siderno avevano un altro sapore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: