Il “nuovo” che avanza

L’asta del microfono al tavolo dei relatori all’hotel President è troppo corta; il dirigente regionale del Pdl Riccardo Ritorto, che ha il compito di porgere il saluto iniziale, armeggia un po’ e finalmente riesce ad allungarla. Peppe Scopelliti (nella foto insieme al candidato della Fiamma Tricolore Antonio “Carbonella” Ferreri) coglie la palla al balzo per lanciare la prima battuta di dubbio gusto all’indirizzo dell’attuale presidente della Regione: «prima l’asta era all’altezza di Loiero». Ne seguiranno altre, sempre incentrate sulla bassa statura di Agazio. Detto dal pupillo di Berlusconi è il massimo. Ma tant’è. E’ uno Scopelliti pimpante quello che ieri sera ha chiuso la campagna elettorale nella Locride dopo che in precedenza aveva disertato gli appuntamenti di Locri e Gioiosa Jonica. Accanto a lui ci sono molti candidati locridei nelle liste che lo sostengono. Parla da governatore in pectore e spazia, durante i tre quarti d’ora di monologo, da un’argomento all’altro. Prima lancia un segnale “ecumenico”: «quando andremo al governo, dovremo ragionare da calabresi e non da uomini di parte», strizzando l’occhio agli scontenti del centrosinistra che di solito non votano a destra. Quindi, preannuncia che «dovremo avere il coraggio di tagliare i rami secchi in tutti i settori, a cominciare dalla sanità». Rami secchi? Scopelliti parla di tremila esuberi nel comparto sanitario, ma preannuncia altresì che «è ora di finirla con questa politica che sforna in continuazione lsu ed lpu; piuttosto – ha proseguito – bisogna mettere le imprese in condizione di creare lavoro, perchè non è la pubblica amministrazione che crea ricchezza». Pregusta un massiccio spoil system negli incarichi dirigenziali pubblici «specie tra i manager delle aziende sanitarie che vanno scelti non in base alle appartenenze partitiche» e immagina una Calabria «che guarda al bacino Mediterraneo, grazie alla riforma costituzionale del governo con a capo Giuliano Amato che nel 2001 ha dotato le Regioni di strumenti per interagire e cooperare con i Paesi esteri». Manca uno dei suoi grandi cavalli di battaglia, ovvero l’area metropolitana dello Stretto, che non viene citata. Preferisce concentrarsi sull’appuntamento elettorale: «dobbiamo presidiare i seggi e vincere bene, ma prima vi voglio tutti a Catanzaro venerdì sera quando chiuderò la campagna elettorale». E’ l’ultimo appello alla platea prima dei saluti.
GIANLUCA ALBANESE
g.albanese@calabriaora.it

Annunci

4 Responses to Il “nuovo” che avanza

  1. Marco ha detto:

    Egregio Signor Albanese, mi scusi se in qualche modo esulo dal suo post, ma vorrei un sua disamina anche sull’intervento avuto da un noto burattino, in occasione della presentazione della candidatura nel Pdl di Ruggero Pegna, tenutasi a Lamezia, lei cosa ne pensa.? La ringrazio per l’attenzione prestatami e le invio cordiali saluti.

  2. maxreale ha detto:

    raga’, non che Loiero mi esalti, ma vedere Scopelliti mi deprime! E’ l’estratto della banalita’, l’esaltazione della propaganda becera, questo signore fara’ grossi danni, proprio come il suo alterego Padron Silvio. Sono pronto a scommetterci.

  3. lirì ha detto:

    “Presidiare i seggi” ha dell’inquietante…
    Scopelliti è venuto anche nell’area grecanica. Se diventerà Governatore piazzerà una centrale a carbone bella fumante in quel di Saline, già straziata dall’aborto Liquichimica. In lina di principio è contrario ma, sai com’è, “tra uomini intelligenti ci si può spiegare”. Presidiare prima, spiegare poi. Buona ser

  4. gianlucalbanese ha detto:

    e cosa dovrei aggiungere, Marco? Hai detto bene tu: è un burattino ambizioso e prezzolato, espressione di quell’antimafia “danzante e saltellante” fatta di salotti e ribalta mediatica, mica dell’attività meritoria, pericolosa e incessante di magistrati e forze dell’ordine. Mi dispiace soprattutto per quei tantissimi ragazzi che, in buona fede, gli hanno creduto. Lirì, ha detto proprio così: la matrice idelogica è sempre quella, non c’è nulla da fare. Max, ci vuole il massimo impegno per impedire che al governo della Calabria ci vada questo bacchettone e chi lo manovra!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: