Work in progress

So che sto diventando monotematico, ma sono i giorni in cui stiamo procedendo alla grande per la presentazione del libro. Molti lo stanno leggendo e anche dalle librerie ho avuto buoni riscontri. C’è chi, bontà sua, l’ha definito «Un piccolo capolavoro» e chi, invece, «Poeticamente surreale» 🙂 Vediamo i prossimi appuntamenti:

SABATO 14 alle 22 sul lungomare di Roccella Ionica, saliremo sul palco del concerto di Mimmo Cavallaro io, Maria Teresa in veste di moderatrice, il presidente del consiglio comunale Pasquale Vozzo e l’editore Roberto Laruffa.
A questo proposito, desidero ringraziare di cuore Pietro per le belle parole spese su facebook nei miei confronti.

LUNEDI’ 23, invece, faremo la presentazione “classica” alle ore 21,30 al World Village del lungomare di Siderno. Oltre a me e Maria Teresa, ci sarà l’amico Valerio Filippi con la sua chitarra battente. Classica sì, ma un po’ di musica ci vuole sempre… 😉

Annunci

2 Responses to Work in progress

  1. Pietro ha detto:

    Caro Gianluca,
    mi permetto di riportare qui il commento su facebook del quale accennavi. Mi spiace non esserci, ma sono lontano e non credo potrò liberarmi. Vedremo per il 23, ma la data certa è settembre, a Roma. Lì ci sarò.

    Un anno fa a Roccella Jonica presentai il mio libro dal titolo “Strade Interrotte”, come farà il mio amico Gianluca, tra due giorni. Fu una serata speciale, come sarebbe speciale, per me, poter partecipare a quella di sabato sera. Sono fiero di essere uno dei protagonisti della Taranta Revolution, anche se il viaggio può sembrare utopico…ma non per noi! Perché i protagonisti di questa utopica (per gli altri…) Rivoluzione sanno volare sulla ali della speranza unita alla consapevolezza che scrivere è anche un modo di mettere in atto una Rivoluzione in questa nostra benedetta terra, dove, come ho già scritto da qualche parte, il paradiso e l’inferno sembrano fondersi in un’unica essenza; con tutte le contraddizioni che questa impossibile fusione può generare. Sono le contraddizioni che noi, popolo di migranti, abbiamo dentro, da sempre! Non ho ancora letto il libro, quindi non voglio darvi l’idea che mi piacerà – e vi piacerà – per forza, ma il mio convincimento sta nel fatto che quando chiesi a Gianluca di scrivere una prefazione ai miei racconti, proprio quelli presentati a Roccella, lui seppe cogliere in pieno il loro significato. Senza fermarsi all’ovvio e al format ma sconfinando nelle praterie dell’irrazionalità che contraddistingue molti di quei racconti. Questo, per me, è una vera garanzia sul fatto che quando avrò il piacere di leggerlo ne sarò entusiasta. Se avete modo di presenziare fatelo, garantisco io. E chissà che non ci scappi la sorpresa di farmi restituire l’autografo dall’Autore…;-))

  2. Virginia ha detto:

    Taranta Revolution rulez! 😀
    Grande, Gianluca!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: