Sos Vendola!

Dopo la vittoria contro Boccia in Puglia e quella di Pisapia alle primarie milanesi, Nichi Vendola è pronto a calare un altro asso alle elezioni comunali di Bologna: Amelia Frascaroli, già consigliera comunale come indipendente del Pd (lontana, dunque, dai soliti apparati tra i quali si scelgono i candidati perdenti del partito di Bersani alle primarie); cattolica dossettiana (quindi più a sinistra degli ex Ds del Pd) e attiva nel volontariato e nel sociale. Una, per intenderci, che non fa campagne elettorali faraoniche ma invita senzatetto e meno abbienti a casa sua, ascolta le loro esigenze, offrendo loro un tè e una fetta di torta. Altro che i salotti della Santanchè e i vari soggetti che piacciono tanto al Pd come Calearo, Montezemolo e compagnia bella! Auguro alla Frascaroli di diventare sindaco di Bologna, che deve tornare quella bella città “a misura d’uomo” nella quale i miei amici hanno fatto gli anni dell’università e che possa restituire ai portici, a via Zamboni e ai giardini Margherita un po’ di quella Bologna che fu. Ora però chiedo a Vendola uno sforzo in più: vista la sostanziale stasi in cui si trova il centrosinistra calabrese (col Pd che si divide ulteriormente al proprio interno creando nuove correnti che sembrano la radice quadrata di un partito, una sinistra radicale che (caso unico in Italia) si è spaccata dopo le elezioni regionali, rompendo la neonata Fds, con l’Idv lacerata da polemiche e lotte intestine e l’ambiguità di un consigliere regionale che ha aderito a Sel ma rimane a fruire dei fondi destinati al gruppo della Fds, lista nella quale è stato eletto), Nichi, vieni in Calabria, studiati i soggetti e dicci chi sarà il candidato migliore per la provincia di Reggio Calabria e per il capoluogo, passa al vaglio il candidato del centrosinistra al Comune di Siderno, resuscita quel che rimane nella sinistra di Locri e ricordati di chi, al Sud, è pronto a fidarti di te, visti i precedenti incoraggianti. E il Pd? Sia coerente e rispetti la volontà degli elettori. Altrimenti, ponga fine alla sua esistenza, dopo aver inanellato una serie di fallimenti, dalla presunta vocazione maggioritaria alla perdita di un terzo dell’elettorato. O no? 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: