Il nuovo che avanza

SIDERNO La chiamano “categorica smentita”; in realtà è una precisazione – peraltro intempestiva – rispetto ad una diretta conseguenza di un fatto reale ed accertato (ossia l’invito che il coordinatore cittadino del Pdl Michelangelo Vitale ha rivolto a tutte le forze politiche cittadine alternative al Pd per un incontro congiunto da tenere in questi giorni), dichiarato dallo stesso Vitale sul numero di CO dello scorso martedì I marzo. Ieri, ovvero il giorno successivo alla pubblicazione della dichiarazione del coordinatore pidiellino, il movimento Siderno Libera ha diffuso una nota con la quale «alla luce – è scritto – dei confronti e delle valutazioni emerse al suo interno e con le altre forze politiche intende informare i cittadini dell’attuale situazione politica.
In relazione alla notizia diffusa dal giornale “Calabria ora” riguardo una ipotetica trattativa in corso tra il Pdl e Siderno Libera, il movimento Siderno Libera smentisce categoricamente tale notizia. Nessuna trattativa in corso con il Pdl». Verrebbe da dire…”excusatio non petita, accusatio manifesta”, perchè su queste colonne si è scritto soltanto dell’invito del Pdl ad un incontro con numerosi attori politici cittadini, tra i quali, appunto, Siderno Libera. Quest’ultima, poi, esce allo scoperto, scrivendo che «Come già altre volte dichiarato e come è possibile evincere da tutti gli atti e le dichiarazioni ufficiali, il movimento, che si caratterizza per l’ispirazione progressista, nasce come strumento di partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica in netta discontinuità con il passato». “Progressisti” e “discontinui”, dunque; ma rispetto a quale passato? All’amministrazione Figliomeni a guida Pdl-Udc-Mpa? «Siderno Libera, nel proprio manifesto politico fondativo e nei documenti pubblici successivi, si è rivolta – si legge nella nota – principalmente ai cittadini sidernesi ma ha anche espresso la propria disponibilità al confronto con i soggetti politici e culturali della città nel merito di problemi e proposte specifiche ma non ha mai dato disponibilità a convergenze elettorali con forze politiche alternative. I tentativi di dialogo avviati con forze del centro e centro sinistra non hanno sinora fatto emergere convergenze significative, ma si è sempre disponibili a riaprire un confronto su basi paritarie, guardando al bene di Siderno sulla base dei valori di legalità, trasparenza e partecipazione e alle possibilità di rilancio della città». Capito, Pd sidernese? «Alla luce di tutto questo – conclude il comunicato – il movimento è più che mai impegnato, dopo l’importante successo di interesse e partecipazione dei cittadini alle due iniziative pubbliche sull’energia pulita e su altre esperienze amministrative nella nostra zona, nella stesura del programma frutto del lavoro costante del movimento negli ultimi mesi, nella definizione del candidato a Sindaco e nella definizione di una lista qualificata di persone che possano rappresentare degnamente il movimento all’interno del Consiglio».
g.albanese@calabriaora.it

Fin qui l’articolo uscito oggi sul giornale. Anche secondo i movimenti civici, dunque, quando si sbaglia la colpa è sempre del giornalista. Tradurre in italiano il loro politichese era quantomeno doveroso. L’unico rammarico che ho – sul piano personale ancor prima che professionale – riguarda il fatto che ieri, intorno alle 17, ho contattato il presidente di Siderno Libera, un gentiluomo d’altri tempi che risponde al nome di Sandro Siciliano, il quale, con chiarezza e col consueto garbo, mi ha spiegato la posizione del movimento e, come accaduto già altre volte, mi ha detto che avrei potuto riportare tranquillamente le sue dichiarazioni per l’articolo perché -bontà sua – ha sempre detto che sono state riportate fedelmente e il loro significato non è mai stato stravolto. Senonché, un’ora dopo, un altro del direttivo di Siderno Libera, ha mandato in redazione il comunicato riportato integralmente nell’articolo (che quindi è stato rifatto da capo, tenendo conto dell’arrivo della nota ufficiale), telefonando pure per sincerarsi del suo arrivo alla casella di posta elettronica, pur sapendo che gli accordi col presidente del movimento prevedevano che le sue dichiarazioni fossero più che sufficienti per scrivere un pezzo. Devo dedurre, dunque, che qualcuno non si è fidato di qualcun altro. Problemi loro. Io, continuerò a seguire le vicende di tutti gli attori politici cittadini in maniera attenta e con spirito critico. Anche quelle di Siderno Libera, alla quale perdono questo peccatuccio di gioventù.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: