Spilinga 2012

C’è un solo modo per dimenticare tutto il marcio che, da Calciopoli in poi, inquina il mondo dello sport più bello del mondo: recuperarne l’aspetto più genuino, fatto di socialità, amicizia, aggregazione e puro divertimento. Lo so, non è la prima volta che penso, dico e scrivo certe cose, ma non posso fare a meno di fare certe considerazioni quando osservo quell’isola felice che è Antonimina. Mille anime in mezzo a vette altissime (come il “Tre Pizzi”), fiumara e terme; mille anime e una squadra di calcio, che da oltre dieci anni mantiene un vero e proprio lusso: una squadra in Prima Categoria. E lo fa senza porsi il risultato come primo obiettivo, ma privilegiando il divertimento puro, la voglia di stare insieme, tanto da essere guardata con ammirazione e rispetto da tutti quei calciatori che vogliono andare a giocare in un ambiente pulito e scevro da pressioni e tensioni. Ogni anno, l’ultima domenica di maggio, si celebra una giornata che, con l’enfasi che strizza l’occhio ad usi e costumi anglosassoni, potrebbe essere definito come “L’Antonimina day”: dall’ora di colazione, a quella di cena, i ragazzi invitano le varie espressioni sportive del paese insieme alla società, per il tradizionale pranzo in località “Spilinga”. Per arrivarci, ci vuole un quarto d’ora abbondante dal paese, visti i tornanti con salite anche ripide che chiariscono meglio agli automobilisti costieri il concetto di “trazione integrale” e la sua necessità. Ma proprio quando la strada, a volte strettina e tortuosa, sembra non finire mai, ecco le staccionate in legno che regalano all’ospite quel senso di casa che lo mette subito a proprio agio. “Spilinga” è l’Aspromonte che ti accoglie, ti sorride e ti ospita; “Spilinga” è un rifugio attrezzato con camino, cucina a legna, lavello, una credenza sempre fornita , tavoli e sedie. Ma “Spilinga” non è “Spinlinga” se non si consuma fuori (outdoor) l’ottimo e abbondante pranzo, sui tavoli in pietra che sono la quintessenza dello spirito che ama questa splendida realtà sociale e calcistica. Efficienza nipponica e arte gastronomica italiana animano l’organizzazione dell’evento. C’è tutta l’Antonimina sportiva che conta nel tavolo presidenziale, al quale mi concedono l’onore di sedere. Ci sono quelli che hanno fatto la storia del calcio locale e quelli che la stanno scrivendo, anno dopo anno, partita dopo partita, abbraccio dopo abbraccio.

E così, come dimostra la storia di Paolo Pelle, capitani non si diventa: si nasce. Capitano per appartenenza dinastica e per meriti tecnici, il numero 10 che più numero 10 non si può sa farsi ben volere anche e soprattutto fuori dal campo.

E c’è spazio anche per le proposte, urlate a squarciagola dall’autoproclamatosi “primo tifoso”: Domenico detto “Domingo”; per tutti “Il Mericioto”, perché originario di contrada Merici, a metà strada tra Locri e Antonimina. È lui, che tra una portata e l’altra lancia strali a molti protagonisti, non risparmia simpatiche invettive contro di me e traccia il suo organigramma tecnico e societario. Lui che ha passato la gioventù negli stadi argentini, sa imitare i telecronisti connazionali di Messi; lui che deve sempre dire la sua; lui che ha licenza di dire qualsiasi cosa.

Ecco, il Mericioto starebbe bene nelle “Cronache Epifaniche” di Guccini, o in “Piccola città eterna” di Ligabue. Quando vado via (a malincuore, visto che a “Spilinga” si sta troppo tempo) faccio ogni volta la stessa considerazione: dopo qualche ora in ottima compagnia, un lauto pranzo adeguatamente innaffiato dal rosso locale, mi accorgo che, complice la discesa, il cammino sembra più breve rispetto all’andata, e che non vedo l’ora che arrivi “Spilinga 2003”, il prossimo “Antonimina day” con l’auspicio che tutto possa restare come sempre. Spontanea, accogliente, generosa, simpatica, cordiale. È la mia Antonimina. Grazie di cuore per la vostra amicizia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: