Trovate le differenze

«Eccellenze, Signore e Signori,
ringrazio Dio, il Saggio, l’Invincibile ed il Misericordioso per avere concesso al presente l’occasione di divulgare un’altra volta il messaggio del grande popolo dell’Iran. Altresì, ringrazio il Signore per il crescente risveglio dei popoli e la loro coraggiosa presenza sulla scena internazionale che dà a loro la possibilità di esprimere le proprie opinioni in merito alle questioni d’interesse globale.
La voglia di giustizia, la voglia di verità, la ricerca del Divino ed il sostegno della dignità umana sono oggi le richieste gridate dai popoli del mondo. Il rigetto della prepotenza, la difesa degli oppressi e la voglia di pace, sono le caratteristiche del pensiero dei popoli e soprattutto sono il volere delle giovani generazioni che aspirano ad un mondo privo di inquinamento, prepotenza ed ingiustizia; un mondo che sia invece ricolmo di amore ed affetto. I giovani ed i giovanissimi hanno il diritto di chiedere giustizia e verità ed hanno il diritto di costruire il proprio futuro con l’amore, la pace e l’affetto».
E poi «Eccellenze, ora voglio ricordare alcuni dei soprusi che sono stati fatti al popolo iraniano…»
Quindi «Eccellenze, la riflessione sulle verità citate ci guida in direzione di un’amara conclusione: la giustizia è stata sacrificata a favore della prepotenza. Le relazioni internazionali, sotto la pressioni dei potenti, oggi sono anomale, ingiuste e discriminatorie». Ma non solo: «Noi aiutandoci, possiamo distruggere alle radici le cause dei mali che ci circondano e rendere dolce per le nostre popolazioni la vita.
In base al loro istinto, i popoli sono alla ricerca del bene, della perfezione e della bellezza. Noi, appoggiandoci ai nostri popoli saremo in grado di fare grandi passi per cambiare il mondo e spianare la strada per il progresso dell’umanità. Che ciò sia gradito o no da noi, primo o poi per volere del Signore la terra verrà dominata dal bene e dalla pace. L’importante è assumere un ruolo e dare un contributo a ciò che primo o poi si avvererà».

D’altro canto: «La Regione Calabria, che eroga ingenti fondi per sagre di soppressata, di peperoncino, il festival dell’acconciatura dei capelli, e per manifestazioni che nulla hanno a che vedere con la nostra Terra, ha stabilito per il KAULONIA TARANTELLA FESTIVAL un contibuto (sic!) pari a zero euro.
La Provincia di reggio Calabria ha deliberato un contributo inferiore a circa il 50% rispetto al 2010 e meno del 70% rispetto all’anno scorso.
Qualcuno, e si può facilmente desumere chi, aveva deciso di sopprimere la più importante manifestazione di musica popolare calabrese: il KAULONIA TARANTELLA FESTIVAL.
Un duro colpo a Caulonia e contemporaneamente all’immagine della Locride e della Calabria.
Volevano metterci dinanzi ad una scelta obbligata: abolire il festival oppure far sopportare il peso al bilancio comunale.
Non avevano fatto i conti con l’orgoglio dei cauloniesi! Con il nostro orgoglio!
Infatti, il sindaco, gli assessori, il presidente del consiglio comunale, hanno messo sul tavolo le loro indennità di carica che saranno utilizzate a favore del festival fintanto che sarà necessario per coprirne le spese.
Anche molti cittadini ed esponenti del mondo della cultura e della politica M. Minniti, De Gaetano, Lombardi Satriani, V, Teti…, hanno deciso volontariamente di dare un segno del loro attaccamento al Paese.
Ogni cittadino che si trova in condizioni di farlo può dimostrare la fierezza e la dignità del nostro popolo che non si piega ai soprusi, nè ai ricatti. Anche con un solo euro!»

Avete appena letto alcuni stralci del discorso di Ahmadinejad all’assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso 23 settembre e una sezione della home page del sito http://www.kauloniatarantellafestival.it.
Ferme restando le diverse situazioni e problematiche, l’impressione è che certi toni retorici (il richiamo al popolo, alla sua fierezza e al suo orgoglio, il riferimento a presunti “soprusi” subiti e la ricerca di un suffragio populista alle proprie scelte) siano simili. Quando si dice “strategia della comunicazione”…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: